Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Wed 29 - 7:36
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
martedì 22 Aprile 2008, 15:36

Monetine (2)

Anche oggi, la continuazione del post di ieri avrà un sottofondo musicale: è quello di Daniele Silvestri, che ha appena pubblicato un nuovo singolo intitolato appunto Monetine.

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

In realtà – trattandosi del singolo che precede la raccolta in uscita tra poco – non è un brano nuovo, ma una canzone di quasi dieci anni fa, Pozzo dei desideri, riarrangiata pesantemente in stile Manu Chao e senza ritornello. Comunque, parla anch’essa del gioco d’azzardo, di come sia diventato in questi anni la speranza dei disperati, l’unica proposta che la società riesce ad offrire a un consistente strato di persone.

E’ interessante vedere Caparezza e Silvestri affrontare contemporaneamente il problema di chi resta ai margini del fiume di ricchezza che attraversa le nostre società, molto visibile ma accessibile soltanto a pochi. Tanto sicuro e rabbioso è Caparezza, quanto intimo e amaro è Silvestri, un artista forse sottovalutato per via di questa sua dimensione un po’ minore nei toni, ma che ha prodotto alcuni dei pezzi più emozionanti di questi anni, da Cohiba a L’autostrada.

Il gioco d’azzardo è sempre stato un no-no, monopolizzato dallo Stato, vietato ai figli come e più della droga, e mantenuto sotto traccia, come vizio imbarazzante dei ricchi. E’ per questo che qualche giorno fa, andando in centro, io mi sono indignato per una intera parete di piazza Carlo Felice occupata da una enorme pubblicità del poker.

Per fortuna non sono stato l’unico, tanto che ne ha parlato qualche giorno fa La Stampa in cronaca. Eppure, quel cartellone non è arrivato lì da solo: qualcuno deve averlo commissionato, certo. Ma qualcun altro deve averlo stampato, trasportato, montato. Immagino anche che un certo numero di uffici pubblici l’abbiano vagliato ed autorizzato. E certamente hanno dato il loro via libera, in cambio di una congrua quantità di denaro, i proprietari del palazzo. Che a nessuno di questi sia venuto un qualche dubbio è francamente deprimente: testimonia di quanto in basso sia sceso il livello di etica, il senso di comunità e di responsabilità reciproca che sta alla base di qualsiasi convivenza civile.

Forse, è davvero questione di disgregazione sociale. Perché i signori degli appartamenti ottocenteschi di piazza Carlo Felice devono aver pensato che, loro, non avranno mai problemi col gioco d’azzardo, e che comunque avranno i soldi per pagarselo, o i mezzi culturali per evitarlo. Perché storie come questa, che risale solo all’inizio del mese, accadono regolarmente, ma alla Falchera, alle Vallette, al fondo di via Artom o nelle strade più popolari di Santa Rita. Moneta dopo moneta, le vite degli altri, private di ogni credibile alternativa, si consumano; ma, appunto, sono altri.

[tags]silvestri, monetine, gioco, azzardo, pubblicità, torino[/tags]

divider

4 commenti a “Monetine (2)”

  1. Lobo:

    “Più gioco più ho probabilità di vincere, ma c’è anche più pericolo di perdere. Perché per il banco il gioco non è fortuna, è matematica!.”

    Peccato che nel “poker sportivo” il banco non c’e’. Si paga un biglietto d’ingresso per iscriversi al torneo si riceve un capitale virtuale, e di li si va avanti fin quando non si finisce (o non si vince).

    Il poker ha subito una rivoluzione negli ultimi anni, grazie anche al ritrovato amore per le carte del giovane pubblico americano (magic, pokemon) e alla ricerca dei grandi network sportivi di uno sport “a buon mercato” e molto televisivo.

    Non e’ piu’ un gioco da bisca, ma da grosse sale di albergo o da palcoscenici(migliaia di persone a torneo), non c’e’ piu’ il vero e proprio “azzardo”: e’ diventato un mind sport, come gli scacchi o il backgammon.

    Non fossi scarsissimo, ci giocherei pure io :)

  2. vb:

    Sarà anche un “mind sport”, ma con gli scacchi non puoi spegnere la TV alla fine del programma e andare al bar all’angolo a bruciarti lo stipendio… Io e te siamo probabilmente in grado di distinguere l’aspetto ludico dalla realtà, ma quanta gente non è in grado di farlo? E in questo “revival del poker” (e nel suo finanziamento) quanta parte hanno i siti online di scommesse e di gioco d’azzardo con soldi veri?

  3. Lobo:

    I siti di poker, nella maggiorparte dei casi, funzionano nello stesso modo. Non punti soldi, ma paghi l’iscrizione alla partita. Ok, in alcuni casi (parecchi, magari), se finisci i soldi puoi pagare di nuovo (buy in) per rientrare in gioco, e su quello sono daccordo, e’ la droga.
    E di sicuro contano molto le sponsorizzazioni dei siti online, anzi, sovente i tornei online sono vere e proprie qualificazioni per i tornei “reali”.

    E ci sarebbero pure sugli scacchi, se il livello di ingresso non fosse cosi’ dannatamente alto

  4. Fabrizio:

    Lobo: Magic, pokemon… In definitiva è tutta colpa tua!

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2024 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike