Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mar 16 - 22:20
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
domenica 6 Luglio 2008, 09:02

Tra la rete e il West

Come lettura domenicale, vi lascio il mio articolo pubblicato su Nòva – il supplemento del Sole 24 Ore – una decina di giorni fa. Sperando che venga letto e capito… (non certo come ha fatto Mantellini, che invece di discutere il progetto si è messo a commentare una sua idea di carta dei diritti che è ben diversa da quello di cui si sta discutendo).

Poche settimane fa, quando l’Agenzia delle Entrate decise di pubblicare su Internet i redditi di tutti gli italiani, anche l’Italia scoprì un problema fondamentale: gli equilibri tra diritti raggiunti nell’era analogica non si applicano poi così bene all’era digitale. Pochi mesi prima, anche l’Estonia aveva dovuto fronteggiare una nuova sfida, quando in mezzo a una crisi politica con la Russia la sua infrastruttura di rete – e con essa il sistema bancario, quello energetico e praticamente tutta la vita nazionale – si era ritrovata sotto un attacco informatico di tipo militare, proveniente non da uno Stato ma da non meglio precisati hacker. Nel frattempo, da entrambi i lati dell’Atlantico, Parlamenti, aziende, organizzazioni e privati cittadini si confrontavano su termini nuovi e ancora tutti da definire, come neutralità della rete o diritto di accesso all’informazione.

Le cronache internazionali di questi anni sono piene di discussioni e di esempi su come i modelli di governo del pianeta, basati sulla sovranità nazionale, siano stati messi in crisi da Internet e dalla globalizzazione. Oggi un ventenne californiano può scrivere Napster e segnare il destino di una industria multimiliardaria, mentre la decisione di un motore di ricerca di retrocedere certi siti in fondo ai propri risultati può costituire uno strumento di censura globale privo di controllo.

Internet è nata col mito di un mondo senza regole; nello spirito del Far West, molti dei suoi fondatori ritenevano che la rete si potesse governare da sé. Altri, specialmente tra le grandi corporation americane, si sono accodati a questa visione per interesse, sapendo che le regole avrebbero soltanto limitato il loro potere di indirizzare il mercato a proprio vantaggio. La realtà ha dimostrato che, senza regole, la società globale dell’informazione che ci attende sarà ben grama, basata sull’arbitrio di attori che non rispondono a nessuno e sul dominio di chi dispone delle migliori potenzialità tecniche.

Da alcuni anni, nelle sedi delle Nazioni Unite, ci si chiede quali possano essere le forme di governo adatte a questa nuova era. Ora, la caratteristica fondamentale di Internet, che la differenzia dalla televisione e dal telefono, è la bidirezionalità; la libertà di iniziativa attribuita ai suoi utenti, che possono usarla per trasmettere i propri contenuti e distribuire le proprie innovazioni, senza attendere l’approvazione di una telco o di un ministero.

In un’era in cui tutto è correlato con tutto e in cui miliardi di persone possono agire direttamente, l’unica forma di governo che funziona è il consenso: la creazione di sforzi collaborativi in cui attori di tipo diverso – nazioni, aziende, NGO, singoli individui – spingano volontariamente nella stessa direzione. Da sempre, gli standard tecnici della rete nascono in questo modo; è possibile che nello stesso modo nascano anche le sue regole sociali?

Questa è la sfida dell’Internet Governance Forum, una conferenza ONU che rompe con le paludate strutture del passato, ammettendo a partecipare sullo stesso piano il rappresentante della Repubblica Popolare Cinese e Vint Cerf, Microsoft e un hacker giapponese; con la convinzione che le soluzioni ai problemi del mondo possano venire solo con un confronto aperto di idee tra tutti gli interessati, e con un lungo processo di costruzione di consenso.

Nel più pieno spirito della rete, all’IGF entità molto diverse tra loro cominciano a capirsi, e a trovare punti di contatto: nascono così le coalizioni dinamiche, gruppi eterogenei ed aperti di partecipanti che condividono un obiettivo, o anche solo la volontà di discutere un argomento. In rete, il progresso si verifica quando una quantità sufficiente di persone capaci è sufficientemente motivata da farlo avvenire; la chiave del futuro non è quindi tanto il gioco della diplomazia o l’imposizione di leggi, quanto la facilitazione di un incontro tra persone capaci e motivate. Questo è appunto lo scopo delle coalizioni dinamiche.

Certo, non tutto l’esperimento funziona a dovere; proprio per le resistenze di chi tradizionalmente domina la società e l’economia di Internet – Stati Uniti in testa – l’IGF è privo della capacità di ufficializzare risultati; molte coalizioni dinamiche sono ancora in uno stato embrionale.

Tuttavia, un’idea ha raccolto finora ampi consensi: quella lanciata da Stefano Rodotà, ossia lo sviluppo di una Carta dei Diritti della Rete. Si tratta di una Carta che però non è affatto la riproposizione delle Costituzioni monolitiche del secondo millennio; è invece l’evoluzione dei processi sfilacciati e distribuiti che hanno portato all’Unione Europea, basandosi sull’idea della coalizione dinamica: raggiungere accordi specifici e codificarli per compiere un piccolo passo in avanti, grazie al patrocinio ONU e sperabilmente all’istituzione di un Alto Commissario sulla questione.

Passo dopo passo, il risultato sarà quindi un corpus di documenti tra loro eterogenei, ognuno pieno di eccezioni e di idiosincrasie, alcuni di alto livello e alcuni di prescrizione quotidiana, alcuni approvati a livello internazionale e altri entrati nell’uso come buone prassi, ma tutti nel loro complesso tali da costituire la descrizione esaustiva dei diritti e dei doveri degli utenti della rete.

L’Italia, in questo, vive un paradosso; da una parte è in Europa il Paese più arretrato nella comprensione di questi fenomeni, e la sua crisi sociale ed economica ne è il sintomo evidente; dall’altra, tramite alcune individualità di eccellenza, è leader nelle conferenze internazionali.

E’ quindi davvero auspicabile che si crei un canale di comunicazione tra l’Italia e il mondo, attraverso un confronto costante tra la sua classe dirigente, politica e imprenditoriale, e chi comprende e disegna queste dinamiche globali. Se poi l’occasione del G8 in Sardegna si rivelerà propizia per aumentare la visibilità di questi temi anche agli occhi dei grandi del pianeta, l’Italia avrà dato un contributo storico: quello di proporre al mondo un modello alternativo di governo della globalizzazione, opposto ai ricordi neri delle strade di Genova.

[tags]nova, carta dei diritti, rodotà, igf, internet governance, globalizzazione, g8[/tags]

divider

5 commenti a “Tra la rete e il West”

  1. paolo:

    mi sembra a un tempo un generoso tentativo di governare l’entropia e, al contrario, una sottovalutazione del possibile.

    Ricordo che mi piaceva Kant, con il suo cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me.

    Una posizione di valore etico enorme, purtoppo travolta dalla rincorsa Napoleonica.

    Ammetto che la possibilita’ che io non abbia capito un accidente sia fortissima, ma non e’ un po’ come pensare che la Giustizia o il governo possano essere il risultato vettoriale ultimo di una somma di comportamenti numericamente tendenti a infinito (ma in definitiva finiti)?

    “l’unica forma di governo che funziona è il consenso”

    E’ una affermazione importante ma e’ un assioma?
    O semplicemente il non aver visto ancora una capacita’ di controllo adeguata alla struttura della rete non ci garantisce circa l’ impossibilita’ della sua formazione e possibile esistenza?

    La situazione attuale ha scisso o reso pressoche’ o frequentemente impraticabile il binomio legge sanzione, che di fatto e’ quello che fa di una legge una legge e non un mero (vano?) elemento di suasione morale.

    Di fatto e’ cio’ che contrasta l’idea stessa di governo.

    che questa scissione sia impossibile da riconciliare e’ un assunto forse non scontato.

    La forma che questa riconciliazione assumera’ temo sara’ poco bella.

    Ma anche gli stivali napoleonici risuonavano con echi non gradevoli.

  2. Piero:

    Interessante l’articolo. Io preferirei parlare di una carta dei diritti dell’uomo “in rete”, più che di una Carta dei diritti della Rete, per sottolineare che al centro della rete ci sta sempre l’uomo e che la rete è per l’uomo e non l’uomo per la rete e anche per riaffermare il principio della neutralità della rete. Per il resto penso che si debba evitare il rischio di “burocratizzazione” della rete, promuovendo pochi principi semplici e chiari.

  3. MailMaster C.:

    Ciao Vittorio,

    ma le individualità di eccellenza sono un lieve riferimento a te stesso o qualcun altro? :)

    Scherzi a parte, bell’articolo, mi è piaciuto, devo dire molto chiaro e lineare. Ho i miei dubbi che il corpus di documenti di cui parli siano la strada effettiva per un’auto gestione della Rete, ma in effetti da qualche parte bisogna cominciare.

    secondo me, agli inizi la possibilità che Internet andasse avanti da sola era plausibile, perchè era in mano a scienziati ed in parte militari. Oggi, che ci accede chiunque, anche senza un minimo di conoscenza, anche storica, le cose sono ovviamente diverse.

    Grazie per l’articolo.

    Mandi

  4. Francesco:

    L’articolo, che avevo già letto nell’inserto del sole dedicato alla Carta dei Diritti, l’ho trovato preciso e conforme a quanto già da te esposto in vari tuoi interventi e su cui sono , in linea di principio, d’accordo.

    L’occasione, però, di aver conosciuto questo spazio mi permette se mi è concesso, di poter dialogare su alcune quaestio a cui , da umile giurista che si interessa di diritto tributario collegato a internet, continuo a non trovare soluzioni.

    – La norma, e la legge che la contiene, qualunque sia il suo rango all’interno della teoria delle fonti, ha bisogno, perchè sia accettata,in ultima istanza, che sia fondata sul consenso della maggioranza di coloro a cui è diretta.
    Come è possibile, se tale principio, esposto in modo forse grezzo, ma spero, comprensibile anche ai non addetti ai lavori, di teoria generale della normazione è ancora valido anche nel mondo di internet, determinare il consenso (che presuppone tutta la struttura collegata alle teorie dei poteri legislativo ecc.) dei navigatori…..

    – Superato questo impasse, ma strettamente collegato a questo : come e con quali strumenti, che non siano in qualche modo limitativi della libertà d’espressione, si riuscirà ad applicarla, perchè, per potersi parlare di norma e non di principio etico (di kantiana memoria), a quella deve, anzi è strettamente necessitata, la previsione di una qualche forma di sanzione.

    Perplessità che sono strettamente collegate a cosa deve essere questa Carta dei Diritti della Rete proposta da Rodotà che, se ho capito quanto da lui scritto, è qualcosa di diverso dalla Magna Carta dei Diritti Umani.

    L’idea (sempre per quello che ne ho capito), per come strutturata dal Prof. Rodotà, come molte delle sue intuizioni, ho paura che non siano proprio applicabili nel modo reale se non creando strutture, non mi dilungo e non mi interesse per ora indicarne e capirne le forme, che impongano delle scelte perchè, alla fine di tutti i discorsi, dibattiti e conferenze, qualcuno, purtroppo, se si decide di seguire questa strada, deve pur decidere e, come l’impasse in cui si trova U.E.( e il Consiglio di Socurezza dell’ONU) oggi ci ammonisce, la decisione non può essere presa a maggioranza assoluta per non rischiare l’impasse.

    Ma, nel momento in cui si crea qualcosa del genere (tipo ONU e Tribunale Internazionale ecc.) la rete delle reti, per come si è fino ad ora strutturata ed evoluta non diventerà qualcosa di diverso ed altro…

    Francesco Molinari

  5. vb:

    Il consenso dei navigatori è determinato da ciò che fanno e dalle scelte che compiono: se tutti usano Google e nessuno usa Altavista, Altavista chiude. I protocolli della rete funzionano perché li usano tutti in quanto ne condividono l’utilità, non perché ci sia una legge che obbliga ad usarli. Detto questo, ovviamente ci sono casi che richiedono un “enforcement”, una attività di controllo ed eventualmente repressione. Anche qui, però, le strutture esistono già (gli Stati) e quel che si può fare è creare consenso tra di essi su come affrontare le questioni; se poi qualcuno continuerà a differire… la vita è bella perché è varia.

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2024 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike