Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 2 - 15:22
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
giovedì 11 Dicembre 2008, 17:10

Servizio clienti

Si sa, i tifosi di calcio – specie quelli che ancora si azzardano a seguire la squadra in trasferta – devono rassegnarsi a subire qualsiasi imposizione, sensata o insensata che sia; compresa quella di andarsi a comprare i biglietti con giorni di anticipo, personalmente, documento alla mano, senza poter usare Internet e senza potersi affidare al tabaccaio di fiducia o ai normali canali di vendita, perché ogni società si mette in piedi i propri canali nei modi più assurdi, assoldando negozi di vario genere non si sa come, oppure affidandosi alla banca cittadina; e comunque, molto spesso vai nei luoghi indicati e non ne sanno nulla.

Però, a vedermi dare un elenco di biglietterie settore ospiti in cui i due punti vendita più vicini a me sono un colorificio e la mia ex palestra di capoeira mi pare di aver toccato proprio il fondo!

[tags]calcio, tifosi, biglietti, toro, bologna, colorifici[/tags]

divider

12 commenti a “Servizio clienti”

  1. D# AKA BlindWolf:

    Andavi a sferrar calci in Piazza Robilant?

  2. vb:

    Sì, e peraltro ci vanno tuttora vari commentatori fissi di questo blog…

  3. D# AKA BlindWolf:

    Sapevo di Andrea, ma ultimamente non commenta molto. Oltre a te e lui non conosco di persona altri frequentatori di questo blog.
    Io ogni tanto faccio qualche allenamento di hit ball nella vicina Alberti.

  4. AlePollon:

    Interessante che tutti i commenti del post siano relativi solo alla sua penultima riga

  5. .mau.:

    perché il resto serviva solo per scrivere quelle due ultime righe.

  6. .mau.:

    poi Рdetta tutta Рperch̩ mai uno dovrebbe andare persino in trasferta a vedere certe squadre?

  7. D# AKA BlindWolf:

    Per contestarla meglio.

  8. for those...:

    caspita, allora ieri sera sarei potuto venire a trovarvi. Ne avrei avuto quanto voi da contestare! :-(

  9. vb:

    .mau.: Per scene impagabili come questa: stanchi morti, dopo aver atteso per due ore incacchiati neri in autogrill a Modena un promesso incontro con la squadra che non si è materializzato, mentre invece si è mobilitata la Digos, arriviamo col nostro pullman a Torino da Piacenza. Bene, all’una e mezza di notte sotto il ponte della Torino-Savona ci aspettava una pattuglia a lampeggianti accesi. Ha cominciato a seguirci per mezza tangenziale, e noi abbiamo cominciato a chiederci cosa volessero farci: daspo (divieto di stadio) a tutti per sosta eccessiva in autogrill? Poi, dopo l’uscita di corso Unione Sovietica, la pattuglia accelera, si affianca, ci stringe e ci costringe a fermarci, bloccando il raro traffico dell’autostrada. Il nostro autista tira giù il finestrino, e il poliziotto gli fa: ma non dovevate uscire a Stupinigi? L’autista risponde: no, li ho caricati da un’altra parte, vado laggiù. E il poliziotto: ma a noi ci avevano detto che dovevate andare alla Sisport! Noi ci guardiamo un attimo, poi scoppiamo a ridere: sono riusciti a scambiarci per il pullman dei giocatori! Alla fine la pattuglia si allontana in mezzo a un festoso coro di “Parapparà, parapparà, parapparappappà: figur di merda!”. Meno male che ci sono loro che garantiscono l’ordine…

  10. .mau.:

    cioè qualcuno era convinto che i giocatori fossero così coglioni da fermarsi all’autogrill sapendo che c’erano i tifosi?

  11. vb:

    Guarda che è normale, spesso in momenti di contestazione o dopo pessime partite squadra e capi-tifo si danno appuntamento per chiarirsi; scusarsi di persona è considerato un segno di rispetto da parte della squadra verso i tifosi, e nessun giocatore è mai stato menato in una di queste situazioni. In casa, di solito una manciata di tifosi tra quelli accalcati ai cancelli ottengono un colloquio con alcuni giocatori, oppure (come è successo domenica scorsa dopo la Fiorentina) i giocatori si presentano direttamente al cancello a parlamentare. In trasferta, il luogo deputato è il casello dell’autostrada o il primo autogrill – per esempio, a Genova l’anno scorso, dopo Genoa-Toro, venne Corini di sua volontà al casello di Genova Est senza nemmeno bisogno di chiedere.

    Questa volta la cosa non s’è fatta – dopo lunghe telefonate al cellulare tra alcuni ultras e capi-club e uno dei giocatori che, in assenza di un team manager, faceva da tramite – essenzialmente perché sul pullman erano rimasti solo in cinque o sei, tutti ragazzini: gli altri giocatori erano già corsi via per andare in disco a Riccione o dalle loro mogli / fidanzate / amanti… e la cosa non è passata inosservata, quelli che erano su quei tre bus che sono rimasti lì due ore sotto la pioggia ad aspettare inutilmente ora hanno un motivo in più per disprezzare la squadra.

  12. Marcello:

    e ancora ti stupisci??? Nessuna società vuole i tifosi in trasferta. Semplice. A noi Per Milano i biglietti sono stati polverizzati in un’ ora Per Lecce idem dopo il primo giorno di vendita i biglietti erano esauriti
    Per trovare il biglietto per Verona ho impiegato un’ ora in banca a Moncalieri

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2024 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike