Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Ven 24 - 5:09
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 22 Aprile 2009


mercoledì 22 Aprile 2009, 16:13

Cinque firme, cinque stelle, un sacco di carta

E’ incominciata in questi giorni la raccolta delle firme per la presentazione della nostra lista civica provinciale Torino a 5 Stelle. Dobbiamo raccogliere mille firme; ne abbiamo raccolte duecento solo nel sabato di prova, ma il tempo scarseggia, dato che abbiamo tempo solo fino al 4 maggio e che c’√® di mezzo pure un ponte che probabilmente desertificher√† la citt√†. Insomma, attorno a noi c’√® tanta simpatia, ma la simpatia non basta: o le persone si danno da fare, ci trovano altri firmatari, li portano ai banchetti, o non riusciremo a presentarci.

La pagina con l’elenco sempre aggiornato delle opportunit√† per firmare √® qui; questo √® l’appello che spiega perch√© firmare; questi sono i banchetti di raccolta:

Mercoledì 22 aprile Рore 21-23 Рcorso Ferrucci 65/A, Torino (primo piano)
Giovedì 23 aprile Рore 16,30-18 Рpiazza Castello angolo via Garibaldi, Torino
Venerdì 24 aprile Рore 20-22,30 РRivoli, Hotel Davide, via Legnano 21
Sabato 25 aprile – ore 15-19 – piazza Castello angolo via Garibaldi, Torino
Lunedì 27 aprile Рore 16,30-18 Рpiazza Castello angolo via Garibaldi, Torino

ma si pu√≤ firmare anche in qualche Comune (tra cui l’ufficio elettorale di Torino al Rond√≤ della Forca, che √® aperto anche questo sabato e domenica).

Non √® solo questo ci√≤ che volevo dirvi, comunque; l’esperienza di organizzare in prima persona (in un gruppo piccolo ma agguerrito) una roba del genere √® stata davvero istruttiva.

Si scopre infatti che tutto il nostro sistema elettorale, su cui √® basata la nostra democrazia, √® in realt√† costruito per essere complesso ed arbitrario. Per presentare una lista esiste un comodo libretto del Ministero dell’Interno di alcune decine di pagine, che per√≤ vale fino a un certo punto, visto che ci√≤ che conta √® la legge. Voi penserete che ci siano dei moduli; invece no. I moduli devi farteli tu, seguendo una traccia che per√≤ varia a seconda dell’edizione del libretto e della fonte che trovi, e che √® comunque pensata per gruppi senza problemi di soldi e di braccia: per esempio, le firme vanno raccolte su moduli che devono assolutamente essere dei fogli A3 fronte/retro a colori, e ancora grazie che esistono le copisterie (in realt√† si pu√† fare anche su fogli A4 separati, ma serve poi una procedura magica presso un ufficio sconosciuto, sito in fondo a una grotta nelle miniere di Moria, per poterli riattaccare: “meglio di no”). Oppure, devi essere tu a certificare che i tuoi mille firmatari siano effettivamente elettori, e a questo scopo devi recarti negli uffici elettorali di ciascuno dei 315 comuni della provincia di Torino, uno per uno, e chiedere i certificati elettorali dei firmatari di quel comune, da allegare alla pratica: immaginate un po’.

Non esiste assolutamente nessuno autorizzato a dirti come fare; non solo, ma pi√Ļ sono gli uffici a cui chiedi e pi√Ļ sono le versioni diverse che ricevi. C’√® l’ufficio che ti mette un timbro per autorizzare una cosa e quello che assolutamente si rifiuta di mettere un timbro, di solito con commenti tipo “siamo mica qui a timbrar fogli per lei”; c’√® quello che accetta le cose scritte a penna e quello che le rifiuta; e poi c’√® l’ufficio elettorale centrale, dove una persona (peraltro gentile e disponibile) non pu√≤ far altro che dirti che non √® autorizzata a rilasciare pareri ufficiali sul fatto che una data cosa sia accettabile o meno; tu devi raccogliere tutti i documenti, presentarli, e poi qualcuno decider√† se vanno bene o meno, ma solo quando sar√† troppo tardi per rimediare.

Infine, c’√® la questione delle firme: perch√© non penserete mica che basti la volont√† del cittadino, e che quindi si possano raccogliere semplicemente le firme in giro. Le firme devono essere autenticate, e attenzione, dice la legge, ci sono due opzioni. Se sei un partito, che gi√† dispone di eletti, i tuoi consiglieri comunali e provinciali possono autenticare le firme; ti basta riempire i moduli con i dati dei tuoi simpatizzanti, farli firmare e metterci il timbro. Se sei una lista civica, dato che ovviamente nessun partito ti vorr√† aiutare, la legge ti permette di usare un dipendente comunale, un notaio o un giudice di pace, che per√≤ devono venire autorizzati con una procedura che richiede una settimana e la collaborazione di tre uffici (anche qui per fortuna ho trovato sempre persone gentili), e che poi possono ricevere firme solo nel territorio comunale. E soprattutto, devono aver voglia di venire gratis a star l√¨ per intere giornate e weekend: voi lo fareste?

Noi non demordiamo, e insistiamo; se poi non raccoglieremo abbastanza firme, o se l’ufficio preposto decider√† che la congiunzione astrale ci √® sfavorevole e la cacca di formica in alto a destra invalida i moduli, pace; √® tutta esperienza per le prossime elezioni comunali.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike