Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Mèr 28 - 14:59
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
giovedì 19 Novembre 2009, 11:36

Shock

Stamattina, tornando dall’aeroporto di Caselle (tra l’altro sia la superstrada che la strada di Borgaro sono interessate da lavori in direzione Torino: aspettatevi code epiche su entrambe), sono andato a fare la spesa al solito Lidl di corso Potenza. La scena che mi si è presentata è stata raccapricciante.

Per tutto il supermercato, anziani, immigrati, coppiette e massaie si aggiravano smarriti, non sapendo più cosa fare, dove andare, come comportarsi. Ogni tanto lo smarrimento lasciava il posto all’ira, e uno dei clienti si avventava su un malcapitato commesso gridando “i pelati!! dove avete messo i pelati!!!”, mentre il commesso atterrito si aggrappava alle pareti cercando invano di resistere. Altri clienti, persa ogni speranza, scoppiavano improvvisamente in lacrime, cercando inutilmente di consolarsi a vicenda.

Non si trattava del normale caos da discount, con casse di prodotti abbandonate in giro e prezzi ballerini attaccati con lo scotch. No, il dramma è molto più radicale: per qualche imperscrutabile motivo, almeno in quel punto vendita, Lidl ha completamente rivoluzionato la disposizione dei prodotti.

All’inizio, dove c’erano crackers e patatine, ora ci sono i dolci e il cioccolato, che da sempre stava in fondo alla terza corsia. Al posto del cioccolato (e del tonno e scatolame, che stava sul retro dello stesso scaffale) ora c’è una serie di bassi espositori per vestiario. Là dove c’è sempre stata la verdura, ora c’è il frigo con gli hamburger, inopinatamente messo a inizio giro in modo che la carne vada a male prima. I pelati sono finiti al posto della schiuma da barba… insomma, un disastro, una blasfemìa, un’empia violazione di tutte le regole non scritte del mio shopping.

Non so se il cambiamento sia definitivo – imposto da qualche markettaro che ha concluso che si vende più cioccolato mettendolo all’inizio – oppure temporaneo, per via di qualche lavoro (stavano armeggiando coi frigo). So che nel negozio c’erano sconti mai visti persino su prodotti di punta (i Fior di Cioccolato a 1,39 euro!), il che mi fa pensare che lo sconvolgimento sia stato davvero profondo. Ma nessuno sconto di quaranta centesimi può valere il senso di vuoto e di perdita che ci ha colpiti tutti stamattina.

divider

12 commenti a “Shock”

  1. rccs:

    I “markettari” sostengono la necessità di modificare l’organizzazine dei supermercati periodicamente in modo che l’utente sia costretto a variare i percorsi e scoprire i prodotti che normalmente non gli capitano davanti al naso durante i percorsi abituali.

  2. Lobo:

    Vibbi, in questo post mi ricordi Sheldon.

  3. Andrew:

    La disposizione delle merci in un supermercato è disciplinata dalla seguente regola (vera): i beni di prima necessità vanno nascosti oppure messi a fine giro; i beni voluttuari vanno in bella vista ed ad inizio giro. Quindi lo zucchero lo troverete solo dopo aver vagato per tutto il supermercato, quando vinti dalla disperazione vi accascerete a terra e vedrete pacchi di zucchero messi sul ripiano più basso dello scaffale più lontano, visibile solo rimanendo seduti per terra guardando uno spiraglio tra gli aspirapolvere in offerta e lo shampo miracoloso 3×2…
    Nel frattempo il vostro carrello si sarà riempito di ogni altra cosa…

  4. maxxfi:

    @Andrew: interessante. Al Lidl dove vado di solito trovo il pane a inizio giro e cioccolato e patatine alla fine.
    Vuol dire che cambiero’ dieta :-)

  5. mfp:

    La vision di Raccoss mi sembra la versione evoluta di quella di Andrew. In pratica dentro al Lidl c’e’ un tizio pagato dalle redistribuzioni finanziarie della ricchezza reale dei lavoratori del materiale, per incasinare loro le abitudini di tanto in tanto, quando vanno a fare spesa al discount, con la speranza che cosi’ facendo spenderanno di piu’ garantendo quindi al marchettaro la copertura finanziaria per il suo posto di lavoro. Questa e’ perversione; un livello altissimo di psicosi paranoide. Ma chi diavolo addestra i markettari!? Il Mossad!? VB, segna nome e cognome del markettaro di quel Lidl: quello lo mannamo a sorvegliare i CPT di Lampedusa, DA DENTRO PERO’ (e la chiave delle porte la tengo io sotto il cuscino a fianco alla mazza da baseball; quando avra’ stilato un paper sufficientemente convincente sul numero di peli pubici di extracomunitario, ma senza poter usare questionari cartacei o altri strumenti tradizionali di indagine… lo tiriamo fuori e sara’ una persona diversa).

  6. Andrew:

    @maxxfi:
    anni fa (molti) partecipai ad una sorta di ‘corso di autodifesa dalla pubblicità’, di cui la senilità mi ha quasi cancellato ogni traccia, però alcune nozioni di base le ricordo… Infatti mentre mia moglie cade di continuo nelle offerte speciali (che sono ad inizio supermercato), nel ‘costa solo 1 euro’ (pattume cinese assolutamente inutile), io entro al supermercato con una lista (come suggerito al ‘corso’) e vado dritto sul bersaglio. Mi può distrarre solo lo scaffale delle birre e la zona libri!
    Nel tuo caso, quello che fanno è controproducente (per loro) a meno che il supermercato non abbia un percorso obbligato: se entro per comprare pane e latte e li trovo appena entrato, li prendo, esco e non compro altro. Se c’è un percorso obbligato, avere il pane all’inizio od alla fine è indifferente, tanto devi percorrere tutto il percorso ‘previsto’.

  7. .mau.:

    I beni voluttuari stanno (anche) vicino alle casse, perché possono venire presi all’ultimo momento. Scaffali alti e bassi sono invece riservati ai prodotti dove c’è meno margine.

  8. Lobo:

    Andrew, anche io solitamente vado con la lista, ma soprattutto nei grandi ipermercati io mi faccio tentare sempre dal banco frigo dei surgelati :(((

    Per quanto riguarda il percorso obbligato, a volte e’ solo per far sembrare certe cose “nuove” anche se le hai da anni.

  9. vb:

    Del resto, nei supermercati “normali” (non discount), è normale trovare ad altezza occhi i prodotti delle grandi marche o quelli meno convenienti, e ad altezza piedi quelli più convenienti. L’idea è che in questo modo sfrutti al meglio entrambe le categorie di potenziali clienti: quelli più attenti al prezzo si mettono a guardare e trovano qualcosa di conveniente, mentre a quelli che se ne fregano fai subito trovare il prodotto dove guadagni di più.

    Spesso poi il supermercato stesso si fa pagare dalle varie marche per garantire l’esposizione in certe posizioni…

  10. Hayabusa:

    Ricordo di aver intravisto, qualche giorno fa, uno spot del Lidl “anomalo” che millantava l’arrivo di “grandi novità”…

    In ogni caso è sempre vero che il cambio di abitudini nella spesa è drammatico, specie dopo anni che vai nello stesso posto, dove potresti girare anche ad occhi chiusi. Ricordo la disperazione di mia madre quando chiusero il suo diperdi favorito…

    Io, per evitare il problema, vado a far la spesa dove capita tra il discount LD e l’Esselunga con tutta una serie di sfumature in mezzo (ovviamente il problema lo evito perché tanto sono sempre sperduto come un PG con un master particolarmente bastardo in mezzo ad un dungeon :-D )

  11. mfp:

    Hayabusa, bhug… anche io nei supermercati mi sento come un topo in un esperimento :(

    The True Mouse Show. C’e’ un tizio, Paco Underhill, che di lavoro fa’ il registratore di topi da supermercato: http://punto-informatico.it/1994212/Telefonia/News/push-morto-grazie-internet.aspx

    Quando l’ho scoperto ho cominciato ad introdurre errore statistico comportamentale (entro dall’uscita, ri-esco e ri-entro dall’uscita, ri-esco e rientro dall’entrata, etc; ci metto mezz’ora solo per riuscire ad entrare nel supermercato senza farmi catturare da una telecamera del Grande Fratello Paco); l’unica cosa che potra’ dedurre dal mio filmato e’ che sono handicappato. Li’ ho sentito fortemente la necessita’ di studiarmi i manuali psichiatrici perche’ prima o poi mi tocchera’ convincere uno psichiatra che non sono handicappato. Allorche’ poi ho cominciato con i manuali legalesi perche’ dopo lo psichiatra e’ probabilche serva presentarsi da un giudice per difendersi dallo psichiatra (sperando pero’ che i poliziotti ti ci facciano arrivare vivo dal giudice). E poi non c’ho capito piu’ niente… i codici umanistici sono una trappola per topi peggio dei supermercati…

  12. Salvofan:

    Non e’ che magari LIDL sia l’emblema di quella societa’ globale dove tutti si allineano a quello che rende di piu’? La tua descrizione sembra quella di un qualunque LIDL qui in Irlanda da almeno un anno e mezzo. Con la crisi tra l’altro LIDL e’ cresciuta tantissimo e sta aprendo nuovi punti vendita in aree impensabili (zone molto fighe dove non penseresti che la gente vada al discount).
    Vuoi vedere che la resa al metro di scaffale per questa disposizione e’ piu’ alta e quindi la stanno applicando un po ovunque? Tu che faresti se fossi il sig. LIDL? Inoltre da almeno un anno LIDL ha quasi raddoppiato il numero di capi di abbigliamento / scarpe in vendita e magari stanno facendo spazio pure a quello in quel supermercato.
    A questo punto dipende da voi…cambiate supermercato per 6 mesi…e fra 6 mesi tornera’ come prima…forse :)

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2022 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike