Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Sab 26 - 17:55
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
domenica 28 Febbraio 2010, 10:47

Bullismo senza privacy

Stamattina, anche se in ritardo, volevo scrivere un commento alla sentenza che condanna i dirigenti di Google per il video del disabile picchiato in classe, e che fa parte di una cultura di persecuzione della rete che in Italia ormai dilaga, spinta dalla voglia di vendetta dei politici sputtanati dai blog e dei giornalisti in via di cassa integrazione per la prossima dissoluzione dell’informazione tradizionale. Ma ne ha già scritto uno buono giorni fa Beppe Grillo, e dunque uso le potenzialità della rete: mi limito a un link.

divider

2 commenti a “Bullismo senza privacy”

  1. mousse:

    Mi limito a segnalarti il post di Paolo Attivissimo che rimanda ad una intervista a uno dei legali di Google che invita a non fare la cosa più grossa di quanto probabilmente è… http://www.apogeonline.com/webzine/2010/02/25/caso-vividown-parla-lavvocato-di-google ecco qui il link

    Infatti qua si parla di violazione della privacy e di responsabilità diretta dei fornitori di servizi, che dal punto di vista del diritto è un’autentica bestemmia in chiesa.

    A dire il vero però mi aspettavo che la sinistra in rete tuonasse contro la sentenza, così come fece per tutte le bagg…ehm proposte del governo di regolamentare la rete.
    I soliti quattro blogger si sono lamentati, questo è vero (e mi ci metto anche io).

    E invece, tutti a dire che è sacrosanto che quei foxxuti banditi di google coporazione americana che pensa solo al profitto vengano puniti.

  2. D# AKA BlindWolf:

    Nel mio aggregatore invece ho visto solo contestazioni alla sentenza (a parte Quintarelli e la prudenza di Mantellini).

    Intanto Google è stata assolta nel merito per quanto riguarda l’accusa di diffamazione (e questo è bene), occorrerà aspettare le motivazioni della sentenza prima di farsi troppi onanismi mentali.

    Però questa sentenza mi inquieta, in particolare se è veramente conforme alla legge: questo significherebbe che la legge italiana sulla privacy ha un grosso bug exploitabile (mi sto mettendo a parlare come mfp :-) )
    Ovvero: oggi abbiamo una condanna per l’upload per un video riprovevole, domani potremmo avere una denuncia (e probabilmente un’altra condanna) per un video accettabile ma “non allineato”, dopodomani potremmo avere di conseguenza una forma di censura direttamente dal fornitore del servizio.

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2020 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike