Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 6 - 18:39
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
martedì 9 Novembre 2010, 20:06

C’√® chi dice no

Purtroppo le discussioni relative agli ultimi post sono state troppo tranquille, e allora vi lascio con una questione su cui generalmente le persone si dividono.

Stasera ero al mio Lidl di fiducia (questa settimana offre, anche se a caro prezzo, paste di mandorla prodotte in quel di Militello in Val di Catania, dove sono stato ormai sette anni fa e prima o poi torner√≤) ed ero in coda alla cassa – ora di punta e coda un po’ lunga, sia nella mia cassa che in quella a fianco. A un certo punto arriva un signore con in mano quattro o cinque cose, passa fischiettando accanto alla parte finale della coda, prova ad infilarsi in quella a fianco, lo guardano male, allora arriva da me – che sono ormai proprio all’inizio del nastro – e dice: “scusa posso passare?”.

In genere in questi casi non faccio mai opposizione: in fondo chi se ne frega, perch√© litigare. Ma questa volta no, un po’ perch√© in mano aveva una mezza spesa, e un po’ perch√© insomma, mi sono stufato di una cultura in cui si cerca sempre l’eccezione alla regola purch√© sia a proprio vantaggio. E ho detto “no scusa, fai la coda come gli altri”.

Al che il tizio, scazzato, √® andato via e si √® infilato nell’altra coda, dove sono stati meno assertivi… o pi√Ļ gentili?

Avesse avuto un solo oggetto in mano, l’avrei fatto passare; fosse stata una signora anziana, l’avrei fatta passare. In questo caso, no. Voi cosa avreste fatto?

divider

11 commenti a “C’√® chi dice no”

  1. Mir:

    Nessuna pieta’ per chi ha la faccia come il culo. Ce ne sono gia’ troppi in Italia e non vengono mai sterminati abbastanza (anzi, di questi tempi pare che qualcosa indichi che vengono premiati; e’ il segnale che il Sistema e’ marcio).
    Ma se facciamo sparire solidarieta’ e gentilezza come societa’, siamo finiti due volte.
    Quindi alla luce della tua scelta (che e’ sempre soggettiva, perche’ e’ sempre la singola persona che deve distinguere chi si trova davanti) direi che la tua parte l’hai fatta e correttamente.
    Poi, magari, il personaggio in questione si sara’ infilato da un’altra parte col ghignetto sotto i baffi (aho ‘sso sempre io il piu’ ffurbo), ma questa e’ un’altra storia.
    Almeno non sei complice del finto perbenismo pissendlove, che in realta’ e’ menefreghismo e non aiuta l’avvento della Civilta’ ma il marcire di un sistema nel quale tutti dicono “il sistema e’ marcio”, ma poi se ne fottono..

  2. Rudy:

    Hai fatto bene.

    Uno che per qualsiasi motivo vuole passare deve chiedere permesso a TUTTI quelli in fila, non solo a quello davanti al quale entra in coda. Così è implicitamente costretto a motivare la richiesta, altrimenti sta solo provando a fare il furbo.

    Io rispondo sempre: “Deve chiedere a tutti quelli in fila, non solo a me”.

  3. Marco:

    Le cose sono come la morte: le accettiamo perché valgono per tutti.

  4. valeskywalker:

    hai fatto bene: non era in stato di emergenza fisica, non era anziano, non era incinta, non aveva 1 cosa sola (e avrebbe nel caso dovuto chiedere cmq a tutti quelli in coda), aveva solo la faccia come il culo!
    qualche settimana qui in francia, alla cassa prioritaria handicappati – donne incinte – adulti con passeggini, c’era una fila di gente che non corrispondeva a nessuna di queste categorie ma appena mi sono messa in coda col mio passeggino si √® aperto il varco tipo il mar rosso con Mos√® :-D. Ho la brutta sensazione che in italia non sarebbe mai successo

  5. Piero:

    Interessante il commento di Marco: “Le cose sono come la morte: le accettiamo perch√© valgono per tutti.”
    Appunto, come la Legge che in teoria, essendo “uguale per tutti”, si rivela una trappola mortale.

    E’ chiaro che su due piedi non √® semplice valutare le motivazioni del perch√© c’√® una persona che vuole saltare la fila e apparentemente pare fare il furbo. Per cui io gli avrei chiesto le ragioni della sua fretta, almeno per salvare la faccia, e su quelle ragioni l’avrei lasciato passare.

  6. maxxfi:

    Quando il tipo √® passato all’arrembaggio dell’altra coda ci sarebbe stato da dirgli “questa fila!” (indicandogli il fondo della stessa), con lo stesso tono e volume con cui diresti “al ladro!”

  7. Mir:

    Finche’ non capiremo che nel mondo NON C’E’ NIENTE DI OGGETTIVO, non ne usciremo vivi.
    Tutto e’ soggettivo. Mille persone diverse davanti a uno schermo vedono mille film diversi. Una legge viene interpretata in mille modi diversi.
    Appunto per questo la legge non e’ uguale per tutti, ma a seconda del soggetto cui si applica dovrebbe essere adattata.
    Un tempo nelle antiche tribu’ c’erano i saggi, che servivano proprio a questo, ad amministrare la legge in maniera equa conoscendo le persone.
    Oggi la legge e’ amministrata da regole meccaniche con la pretesa superba di essere oggettive, applicate pedissequamente da persone che sempre piu’ spesso, dovendo anche rispondere a criteri di efficienza simili a quelli di uno stabilimento di automobili, finiscono per trattare gli individui come bulloni o patate, ed ecco che ci si scandalizza se alla fine per un vizio di forma, il delinquente matricolato “esce subito” o il ladro di polli marcisce in galera 5 anni per un equivoco…
    Immolati sull’Altare di Sua Maesta’ l’Oggettivita’

  8. Yari:

    Io lo avrei candidato sindaco per il movimento 5 stelle.

  9. simonecaldana:

    Qui a qualcuno sfugge che se ci sono vizi di forma che impediscono l’applicazione oggettiva delle leggi il problema non e’ l’applicazione oggettiva ma i vizi di forma.

  10. Mir:

    @simonecaldana: il vizio di forma esiste perche’ una legge deve riassumere in un numero finito di costrutti sintattici una potenziale infinita’ di situazioni (che non possono essere verificate tutte a priori); inoltre, la legge e’ prodotta da esseri umani che sono di per se fallaci – e aggiungo – alle volte influenzati da fattori soggettivi ed emotivi o molto piu’ spesso da interessi personali o di tribu’ (leggi “corporazione”), anche se talvolta non ne sono neppure consapevoli, e ove lo siano, probabilmente non lo ammetteranno mai nemmeno sotto tortura per questioni di orgoglio e di status (le persone con una certa mansione non devono ammettere gli errori se non messi alle strette, diversamente perderebbero in AUTORITA’), e la riprova te la da talvolta l’accapigliarsi di eminenti scienziati arroccati su differenti modelli.
    Puoi pensare di migliorare l’efficienza del processo di produzione delle leggi, ammesso che vi si riesca di questi tempi, ma l’umanita’ non sara’ mai qualcosa di perfettamente deterministico da diventare MECCANICO, non ci sara’ mai una regola che ci consenta di dormire beati (tanto le leggi meccanicamente normano tutto il normabile e risolvono tutto il risolvibile).
    Semplicemente e solo per il fatto di essere impregnati di desideri di perfezione, di aspirazioni, di emozioni soggettive, e’ utopia il pensare anche solo lontanamente di riuscire a demandare a una persona qualsiasi (in modo intercambiabile) l’applicazione delle leggi e sperare che esse vengano applicate in maniera oggettiva, e quando pure riuscissimo in uno scopo del genere, secondo me avremmo perseguito qualcosa di totalmente inumano, forse peggiore di Auschwitz.
    Le leggi vanno bene come sono in quanto sono l’immagine di chi le ha fatte; operiamo al meglio con quelle che abbiamo a disposizione e al limite cerchiamo di migliorarle a posteriori; assurdo pretendere che gli strumenti siano perfetti se il loro creatore non lo e’.
    Naturalmente questa e’ una visione personale, piu’ intuitiva che mentale, e mi risuona sempre la vecchia frase del buon Tacito antico, che dice in sostanza che dove ci son troppe leggi c’e’ corruzione, o quanto meno mala fede.

  11. D# AKA BlindWolf:

    (BTW… auguri per il post numero 2000. Ok, √® solo la chiave primaria della tabella e non il duemillesimo post, comunque auguri lo stesso)

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike