Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Ven 12 - 11:57
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
sabato 22 Dicembre 2007, 18:31

Reazioni da strega

Di norma, qui non si parla di scandali di cronaca nera, nonostante essi diano ampi spunti per riflettere sulla società italiana. Eppure, leggendo degli ultimi sviluppi del caso di Garlasco, qualche pensiero mi è venuto subito alla mente.

Secondo la nuova ricostruzione, infatti, pare che la ragazza sia stata uccisa dal fidanzato dopo che lei aveva scoperto sul suo computer delle presunte immagini pedofile. L’articolo della Stampa di ieri – in quest’era post-C.S.I. – si dilunga con racconti minuziosi e anche un po’ ridicoli su tutto questo dispiego di tecnologia, vantando le tecniche prodigiose e i mezzi avanzatissimi utilizzati dal Ris di Parma per scoprire le immagini sul computer del ragazzo (Esplora Risorse?). Si dice che, secondo le “tracce” ritrovate, egli avrebbe addirittura condiviso ben due di queste immagini tramite Emule (brivido).

Ammesso che questa situazione sia vera, io ho provato a immaginarmela: pensate di essere una ventenne lombarda come tante altre, cresciuta in una famiglia media, certo con un paio di cugine gemelle che farebbero qualsiasi stupidaggine pur di apparire in televisione, ma insomma normale. Avete un fidanzato con cui – almeno stando a quel che si diceva in questi mesi – state tutto sommato bene; magari ogni tanto litigate, ma senza una relazione particolarmente tesa. Un giorno, mentre usate il suo computer per guardarvi la posta, con il tipico farsi i fatti degli altri intuito delle donne scoprite che ci sono alcune immagini di minori “a sfondo sessuale”.

Aprendo una parentesi, qui non √® per ora dato sapere cosa fossero veramente queste immagini, cio√® se raffigurassero veramente atti sessuali con bambini o bambini e basta o magari semplicemente una diciassettenne ripresa col telefonino, e se veramente il ragazzo avesse delle tendenze pedofile o se invece quelle foto fossero arrivate l√¨ per tutt’altro motivo e magari cancellate alla prima occasione. Comunque, conoscete bene la persona in questione e non penso che, di punto in bianco, vi venga da pensare che √® un mostro. Quindi, cosa fareste?

Probabilmente gli chiedereste spiegazioni. Magari cerchereste di capire se ha dei problemi relativi al sesso, cosa che peraltro, se state insieme da un po’, dovreste gi√† sapere. Ma ecco, non mi viene in mente nessuno scenario che possa far s√¨ che l’altro reagisca ammazzandovi seduta stante avendo questo come motivo fondamentale. Potrebbe al massimo succedere che voi abbiate gi√† delle serie liti in corso, tali da aver maturato rabbia omicida, e questo sia soltanto un fattore scatenante.

Se invece √® veramente questo ci√≤ che √® successo, cio√® se una persona che ti vuol bene e che prima non aveva alcuna intenzione di farti del male ti ammazza improvvisamente solo perch√® tu scopri che ha delle foto di bambini sull’hard disk, vuol dire che la semplice scoperta di una immagine di quel genere pu√≤ essere percepita da una persona sostanzialmente normale come una minaccia mortale, tale da uccidere in risposta.

La pedofilia √® un problema serio, ma non si pu√≤ mettere tutto insieme e sullo stesso piano, l’azione, il sostegno all’azione, il guardare l’azione, il parlare dell’azione; n√® si pu√≤ dimenticare che le tendenze sessuali di ogni genere derivano da schemi psicologici profondi, spesso coercitivi, e non sempre sono frutto di libera scelta o di piena fermit√† mentale. Si tratta di un campo dove i confini sono sottili e le valutazioni sfumate, tanto che la stessa definizione di “immagine pedopornografica” varia moltissimo da persona a persona, e che secondo certe definizioni, per esempio, buona parte dei fumetti giapponesi sarebbe pedofilia.

Per questo io spero che si scopra che avevano gi√† litigato per altri motivi, o che lui √® pazzo, o qualche altro motivo. Perch√© se una reazione cos√¨ inconsulta, per paura bestiale, fosse stata provocata dalla caccia alle streghe e dal polverone che sono stati montati in questi anni sulla pedofilia via Internet, vorrebbe dire che l’omicidio si sarebbe potuto evitare, se solo l’argomento fosse stato approcciato da tutti – media e politici in primis – con pi√Ļ cautela e pi√Ļ seriet√†.

divider

6 commenti a “Reazioni da strega”

  1. RidendoMores:

    Assomiglia a garantismo peloso quello invocato per i pedofili di ogni ordine e grado, attraverso la citazione di ipotetiche motivazioni psicologiche del loro agire e senza che sia spesa una parola per i bambini, vere vittime impotenti di adulti senza scrupoli. Rispettare il diritto dei pedofili a vedere comprese le loro motivazioni non esime dal cercare di contrastare il fenomeno pedofilia anche attraverso campagne di sensibilizzazione, che personalmente non definirei “polveroni” o “caccia alle streghe”: le streghe forse appartengono al mondo della fantasia, i delitti dei pedofili sicuramente riempiono le pagine dei giornali.

  2. BlindWolf:

    Premessa: personalmente ritengo che abusare sessualmente di un bambino (per soddisfazione sessuale o per produrre materiale pornografico) sia una cosa orrenda, e non invoco garantismo in questo senso.

    Ora però riflettiamo con calma.

    Concordo pienamente con gli ultimi due paragrafi di vb: chiunque si documenti un po’ a proposito di Internet ed argomenti correlati sa benissimo che in Italia in tema di pornografia minorile c’√® un accanimento notevole (non sto qui ad elencarvi tutte le fonti, ma potrete trovare tutti i punti seguenti in Punto Informatico o sul blog dell’avvocato Daniele Minotti), per esempio:

    * alcuni anni fa c’√® stata un’incriminazione di massa (un migliaio di indagati) basandosi sulle seguenti accuse: “similitudini nelle spese effettuate tramite carta di credito”. Ovviamente quasi tutte le accuse sono state archiviate prime del processo.

    * altra operazione antipedopornografia: nel 2006 la PolPost ha diffuso tramite eMule dei filmati illegali sequestrati ed ha incriminato chiunque li avesse scaricati. Uno di essi ha scritto a PI dicendo che non era sua intenzione scaricare tale filmato, ma √® stato vittima di un fake; anche se questa difesa non fosse vera sarebbe comunque verosimile, dato il funzionamento della rete eDonkey. E comunque (anche se al fine di incastrare dei consumatori di tale materiale) tale operazione ha portato ad una diffusione di materiale illegale a persone che per vari motivi l’hanno fatta franca.

    * Qualche mese fa dei quattordicenni livornesi hanno filmato, in proprio, i propri festini orgiastici. Ora sono accusati di produzione di pornografia minorile anche se mi sembra chiaro che non ci sia stata alcuna forma di sfruttamento. Per la legge italiana l’et√† del consenso sessuale √® di 14 anni, ma evidentemente un sedicenne pu√≤ fare sesso ma non documentarlo neppure per uso personale.

    * veniamo al bello: la legge italiana, unica al mondo, ha il reato di “pedopornografia virtuale”. Ovvero: anche se il soggetto della pornografia √® maggiorenne ma “appare” minorenne il reato sussiste lo stesso (anche se con attenuanti). Cosa significa “appare”? Una ventenne con due treccine pu√≤ essere considerata “di apparenza minorenne”? E un fumetto √® illegale? L’unica volta che ho sentito parlare dell’applicazione di questa legge √® stato per intervenire contro il videogioco “Operazione Pretofilia”, che voleva sensibilizzare sugli episodi degli abusi dei preti (“Sex crimes and the Vatican”) ed in cui i bambini erano rappresentati in maniera molto stilizzata; tuttavia questo caso era altamente politico (satireggiava la Chiesa Cattolica ed il Vaticano).

    * √® l’unico argomento per cui gli ISP sono tenuti prontamente ad impedire l’accesso agli IP dei server che ospitano tale materiale (e di conseguenza agli eventuali siti legali ospitati sugli stesi server). C’√® chi teme che questo sia il primo passo per censurare la Rete su altre questioni (si inizia con pedopornografia e terrorismo per scendere su reati minori o su argomenti controversi – vedi proposta Frattini)

    Aggiungiamo tante altre sottigliezze, per esempio…

    …la differenza tra un bambino violentato ed una diciassettenne esibizionista

    …che la vera crudelt√† √® l’abusare del minore. Chi compra il materiale pornografico stimola la produzione di tale materiale, ma non √® direttamente responsabile della violenza. E chi se lo procura senza pagare non stimola neppure tale produzione.

    …la definizione di pornografia √® a volte soggettiva: la bambina nuda della pubblicit√† Coppertone (era Jodie Foster, per la cronaca) √® pornografia o no?

    La pedofilia (quella vera) √® un dramma che spesso si consuma in famiglia. Il possesso di pornografia minorile √® un reato, ma l’accanirsi (anche) con i metodi illustrati sopra mi lascia dei dubbi.
    I giornali, citati da RidendoMores, sguazzano nella cronacaccia. Credo che 50 anni fa gli abusi sui minori non fossero minore di adesso, ma erano di sicuro pi√Ļ nascosti dai mezzi di informazione: per questo oggi si parla impropriamente di “allarme pedofilia” ed i politici (di tutti gli schieramenti) cercano di rifarsi l’immagine presso il pubblico guidando la Santa Crociata contro i pedofili.

    Per quanto riguarda Stasi: sembra che tali immagini fossero state cancellate alcune settimane prima del delitto (vedi qui, ma purtroppo Mantellini non ha citato fonti sull’argomento). I giornali ovviamente non hanno resistito allo scoop (e non hanno approfondito l’argomento, dato che un giornalista di cronaca presumo che sappia veamente poco di computer forensics), ed adesso Stasi √® pubblicamente etichettato come “mostro”.

  3. RidendoMores:

    …e lasciano perplessi anche interventi nei quali due righe di presa di distanza dal fenomeno pedofilia sono seguite da altre cinquanta dove si cerca di ridurre il fenomeno stesso ad esibizionismo adolescenziale o ad una esagerazione mediatica. Giungendo forse inconsapevolmente a suggerire che all’eccessiva attenzione attuale dei giornali era in fondo preferibile il silenzio del passato, dove gli episodi rimanevano confinati in casa o nei seminari.
    Si pu√≤ naturalmente discutere dell’adeguatezza della normativa e degli strumenti di repressione, senza per√≤ scordarsi che il punto di partenza dovrebbe comunque essere la tutela dei pi√Ļ deboli.
    In tutta questa querelle Internet dovrebbe essere considerato un mezzo, che pu√≤ essere usato per fini positivi e negativi, per cui non ci si dovrebbe stupire dell’esistenza di punti di vista diametralmente opposti sulla sua gestione. A meno che Internet non sia da considerarsi un Fine…

  4. simonecaldana:

    Tutela dei piu’ deboli o demonizzazione dei non categorizzati deboli ma parimenti impotenti contro la fitta sassaiola dell’ingiuria?

  5. vb:

    Non so, a me interessava solo far notare che creare una isteria collettiva ai limiti del linciaggio contro uno specifico reato provoca ulteriore violenza.

  6. Attila:

    Facendo un passo indietro al lontano 1998, mi ricordo che stavo preparando la mia tesi in diritto internazionale “armato” di una connessione 56k e poca esperienza nella rete… Google era ancora da venire (almeno x me) e usavo Altavista e Lycos…
    Facendo una tesi in dir. Int., avevo bisogno di testi U.S., praticamente introvabili in Italia (a meno di prostituirsi in qualche Uni privata, come poi ho fatto) e li cercavo in rete. Purtroppo, ogni volta che digitavo un qualsiasi vocabolo sul motore di ricerca, una buona percentuale delle pagine, mi mandavano in dei siti porno che mi aprivano pop up a cascata (intasandomi la connessione e facendo sbiellare il pc).
    In mezzo a questi pop up, probabilmente ci sar√† stato materiale di “dubbia origine” (per usare un eufemismo). Ma se mi avessero controllato il pc e trovato questi “riferimenti” all’epoca, cosa avrei potuto dire in mia difesa? Sarei stato anche io un “mostro” involontario (e inconsapevole, perch√® mi mettevo generalmente a smadonnare e a tentare di abbattere le finistre, prima di riavviare il pc se non funzionava l’abbattitura)?

    Alle volte mi vengono i brividi al solo pensiero… sbatti il mostro in prima pagina…

    P.S. Adesso ho un bel firewall, uso solo Google e non devo fare + lunghe ricerche al pc domestico…

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2022 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike