Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Lùn 25 - 19:13
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
venerdì 18 Luglio 2008, 07:11

Dormire dentro

Ieri sono andato a Roma in giornata; come spesso accade, per ottenere la migliore combinazione di orari e prezzi, ho fatto l’andata in aereo – uscita di casa ore 6:20, volo Blu-Express a 70 euro, arrivo in centro a Roma alle 10:50 – e il ritorno in treno – partenza da Termini ore 15:05, Eurostar a 60 euro, arrivo previsto a casa alle 21:10, arrivo effettivo alle 21:45 (grazie Trenitalia, e grazie anche per i dieci minuti di attesa nel tossico tunnel in discesa che porta alla stazione di Milano Porta Mai Pulita Da Quando Ci Pass√≤ Garibaldi).

Ho passato praticamente tutto il viaggio di ritorno a guardare il paesaggio dal finestrino, in parte lavorando al computer o ascoltando musica, ma senza mai perdere di vista l’esterno; √® uno dei motivi per cui adoro il treno. Ho potuto cos√¨ ancora una volta constatare come l’Italia sia davvero bellissima, tutta, dall’inizio alla fine. A patto naturalmente di addormentarsi per mezz’oretta mentre si attraversa Milano: ma quanto staranno bestemmiando gli abitanti della casa verdina a cui stanno costruendo a mezzo metro dal balcone un mega-cavalcavia ferroviario per l’ormai inutilissimo collegamento diretto Centrale-Malpensa?

Comunque, il resto √® meraviglioso: si comincia con un pomeriggio dorato sui prati e sui campi della direttissima per Firenze, che si snodano tra le colline fino a giungere alla zona di piccoli calanchi che segna l’ingresso nella valle dell’Arno. Poi si vede Firenze, e di l√¨ le montagne in cui la ferrovia si inserisce senza tanti complimenti, con tutta la supponenza dell’epoca fascista, fino al tragico tunnel sotto l’Appennino (cento morti sul lavoro tra incidenti e silicosi, ma un’opera che per l’epoca era fantascientifica). Poi c’√® la pianura padana, un susseguirsi di campi che profumano d’estate e di aria immobile, fino a un fantastico tramonto dal ponte sul Po. Poi, dopo la mezz’oretta di dormita, ci si sveglia in mezzo ai boschi della riva del Ticino e di l√¨ alle risaie, e infine alla corona delle Alpi.

Ebbene, con tutto questo pop√≤ di meraviglia, io ero l’unico di tutto il vagone che guardava fuori. Il signore davanti a me leggeva un romanzo giallo di Franco Cardini (per la serie “anche gli insigni storici vanno in cerca di celebrit√†”). I due al mio lato leggevano Il Sole 24 Ore e Inmoto (s√¨, esiste una roba che si chiama cos√¨, e non ha lo spazio in mezzo al nome). La signora dall’altra parte ha telefoninato per tre quarti del tempo, e nel resto si √® guardata le unghie; il ragazzo di fronte ha passato tutto il tempo a giocare col cellulare.

Non sono ben sicuro di cosa sia andato perso; se la capacit√† di meravigliarsi, il senso del bello, la comunione con la natura, oppure la voglia di vivere e di conseguenza la possibilit√† di accorgersi della vita che scorre fuori dal treno. C’√® per√≤ qualcosa di molto sbagliato in tutto questo.

divider

7 commenti a “Dormire dentro”

  1. D# AKA BlindWolf:

    Se invece vuoi passare delle ore di noia mortale prova a percorrere in macchina le autostrade del sud della Germania (Baden e Baviera): centinaia di chilometri di boscaglia senza il minimo accenno di paesaggio (a parte qualche sporadico viadotto tra colline).

  2. simonecaldana:

    Magari hanno gia’ visto il paesaggio decine di volte…

  3. vb:

    Ma il paesaggio cambia continuamente, non √® che dopo che l’hai visto una volta √® sempre uguale…

  4. cri:

    Che bel post! Come direbbe Anacleto della spada nella roccia sono pienamente d’accordo.
    Che spreco, quante cose si perde la gente: di fronte alla bellezza l’unica cosa da fare sarebbe fermarsi ed aspettare che ci pervada/elevi/stordisca/trascini in un’altra dimensione.
    Quando vedo al museo la gente fare le corse, mi chiedo cosa mai ci sono venuti a fare (nella vita ci son fatti che ci fanno uscire pazzi…)

  5. Icekent:

    vivere con lentezza, ma ormai non si pu√≤ pi√Ļ.

  6. Tizio:

    Che cosa √® la bellezza? Dire che salver√† il mondo √® pura retorica se quando ce l’abbiamo vicino non ce ne accorgiamo e dobbiamo andare nei musei per vederla.

    E’ che siamo diventati ciechi perch√® non ci accorgiamo pi√Ļ della poesia di ci√≤ che ci circonda, di un fiore o di un filo d’erba, di un riflesso o dello stormire delle foglie. Noi ci piazziamo sopra capannoni, magari abusivi, una fila di tralicci o di villette a schiera e dell’armonia non ce ne frega niente, non porta allo sballo.

  7. Daniele:

    Grazie di questo bel post.

    Oggi, tornato a casa, spolverer√≤ il tappeto sull’uscio: c’√® disegnata una grande lumaca, e una grossa scritta di fianco ricorda un imperativo troppo spesso ignorato: LIVE SLOWLY.

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2021 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike