Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Vën 17 - 5:18
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
venerdì 12 Settembre 2008, 15:08

Leoni (2)

Sulla strada, davanti a noi, c’√® un grappolo di auto ferme. Capiamo che √® successo qualcosa, perch√© il cielo si riempie di uccelli; saranno una decina, tra aquile e avvoltoi, e continuano ad arrivare; planano sugli alberi vicini, e guardano gi√Ļ. Ogni tanto qualcuno osa avvicinarsi, ma poi torna sui rami pi√Ļ alti.

Arriviamo in coda al gruppo, e ci fermiamo. Cerchiamo con lo sguardo, e alla fine le vediamo: due leonesse, accucciate in una buca sotto i cespugli, a meno di tre metri dalla strada. Fanno la guardia, rivolte verso la strada, e da dietro di loro arriva del rumore: capiamo che c’√® una terza leonessa che sta mangiando una carcassa. Ecco perch√© √® pieno di avvoltoi.

Dopo un minuto, si danno il cambio: una delle leonesse va a mangiare, e viene sostituita da quella che stava mangiando prima. Durante il cambio un avvoltoio prova a buttarsi, ma gli fanno capire subito che non è il caso. Il pasto dura ancora qualche minuto.

Poi, d’improvviso, una delle leonesse decide che √® ora di andare. Si alza, e viene tranquillamente, a passo lento, verso la strada. Si gira verso di noi, e ci punta: viene dritta nella nostra direzione. Un po’ ci spaventiamo, e intimiamo al guidatore di smettere di riprendere e chiudere il finestrino. La leonessa, per√≤, ci passa accanto a mezzo metro. Ci supera tranquilla, nel centro della strada, e poi comincia a camminare. Tiene la destra, non facendosi il minimo problema per le auto che arrivano e che, peraltro, si spostano per evitarla. Cammina, e sparisce in lontananza nel sole, verso il prossimo autogrill.

Poi anche la seconda si muove. Anche lei arriva a bordo strada, si gira nella nostra direzione, si ferma; √® l√¨, a un paio di metri, sulla striscia di terra accanto all’asfalto. Si ferma, e, per la prima volta, sorride. E’ felice, anzi, gode, mentre si mette in una posizione inequivocabile.

E, tutta soddisfatta, caga con gusto uno stronzo di mezzo metro.

leoni-2.jpg
divider

6 commenti a “Leoni (2)”

  1. Marco:

    Haha, fa la stessa faccia del mio gatto!
    Molto interessanti i tuoi racconti di viaggio.

  2. AndreaC:

    Beato te che hai visto leoni attivi. Io li ho solo visti dormienti, ma forse era piu’ avanti in giornata.

  3. Attila:

    In effetti è la sintesi della soddisfazione.

  4. D# AKA BlindWolf:

    E poi critichi Luttazzi. Bah.

  5. vb:

    Ehm, Luttazzi usava la merda per offendere qualcuno in modo gratuito, mica per descrivere un fenomeno naturale…

  6. D# AKA BlindWolf:

    Gratuito? Credevo avesse un cachet…

    “La comicit√† √® la ricerca dello stato infantile virtuoso in cui la purezza, lo sporco, la volgarit√† e l’impudenza sono tutti fusi nella stessa innocenza, in cui accade la risata.”

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2021 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike