Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Thu 16 - 5:59
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
domenica 26 Aprile 2009, 18:26

La stazione di Bologna

In questi giorni ho davvero poco tempo per bloggare… questo √® il mio post per il 25 aprile, e scusatemi se lo riesco a pubblicare solo ora; un supplemento di liberazione comunque non fa male.

La stazione di Bologna √® il ventricolo dell’Italia: i treni dal Sud e dall’Adriatico, dal Veneto e dal Piemonte, dal Brennero e da Roma si incrociano tutti l√¨, sfoderando spesso (come nel mio caso) dei clamorosi 105 minuti di ritardo, causa maltempo a Termoli, battito di farfalla in Cina o altre scuse del genere. Vite e parlate di ogni genere si mescolano nel grande atrio sempre intasato, nella tigelleria tradizionale (qualunque cosa sia) e nel bar che, essendo i baristi talmente presi dal servire in fretta i clienti da non aver nemmeno tempo di pensare un nome, √® stato direttamente chiamato “Bar Su” (mi sembra di ricordare che esistesse anche un “Bar L√†”, ma non sono sicuro).

La stazione di Bologna quindi √® enorme: oltre a una distesa infinita di binari sul davanti, ci sono cinque binari nel lato ovest, mentre nel lato est, dopo una bella scarpinata, c’√® il McDonald’s con annessa McPizzeria. Poi praticamente tutti i treni fermano sul binario 1, ma questo √® un dettaglio: volendo, i binari ce li hanno.

La stazione di Bologna √® tenuta nel classico stile delle Ferrovie dello Stato: sporchina, incasinata, piena di foglietti appiccicati l’uno sull’altro e di clienti persi dietro a indicazioni incomprensibili. Gi√† non si capisce perch√© debbano per forza avere due binari 1, due binari 2, due binari 3 e cos√¨ via, invece di numerare i binari tronchi con numeri propri e inconfondibili. Poi non si capisce perch√© sull’intero piazzale ovest ci sia una sola obliteratrice e sia fuori servizio, e ci siano solo due macchinette di cui una √® stata spostata in un punto infame per permettere l’installazione di un banchetto pubblicitario di 3. Ma potete andare sul binario 1, schivando i treni che fermano uno dopo l’altro, per scoprire che l’obliteratrice √® rotta anche l√¨.

La stazione di Bologna √® piena di ricordi per ogni italiano, perch√© non c’√® nessuno che, durante qualche epico viaggio in treno, non sia passato di l√¨; il mio ricordo √® della tarda primavera del 2001, quando dopo una riunione esecutiva della fu Naming Authority conclusasi nel pomeriggio spesi la serata prima in un cinema vicino a piazza Maggiore (guardando Le follie dell’imperatore) e poi alla stazione di Bologna, salendo poi verso le due di notte su un treno per Siracusa che stava vicino a un treno per Lecce, e gi√Ļ un’ora di gente che dai finestrini dei due treni chiacchierava o litigava su tutto, e poi quando il mio treno finalmente part√¨ era talmente pieno di siculi accampati che feci in piedi fino alla stazione di Orvieto, tra le tre e le sei e qualcosa, per poi andare a visitare la citt√† e crollare finalmente svenuto dal sonno, dopo aver messo la sveglia, sui banchi del duomo di Orvieto.

La stazione di Bologna per√≤ ha un angolo che √® talmente sul davanti che non ci passa nessuno, perch√© la gente preferisce entrare dentro oppure tagliare attraverso la piazza, tra le maledizioni dei taxisti. Guardando la stazione sta sulla facciata a sinistra, e sulle prime sembra un angolo qualsiasi, con un paio d’auto abbandonate davanti, un cestino della spazzatura, delle finestre con le serrande abbassate, e delle grandi macchie sul marciapiede, di olio o di piscio.

E’ l√¨ che si trova la grande lapide che ricorda la fine di 85 persone – una bimba di tre anni, turisti tedeschi, persone di tutte le provenienze e tutte le mancate destinazioni, e una targa separata per i lavoratori del buffet, che non erano nemmeno l√¨ in vacanza – e in cima alla lapide c’√® scritta una sola cosa, “Vittime del terrorismo fascista”.

Era meno di trent’anni fa, e – pur con tutto il rispetto per le cause sbagliate e le morti in guerra, pur con tutta la volont√† di perdonare e riconciliare – l’idea che sottilmente, da qualche lustro a questa parte, si sia fatto passare il concetto che avere fascisti al governo sia una cosa normale, anzi un segno positivo di progresso culturale, mi provoca una sensazione che non so bene come definire: se sia pi√Ļ rabbia, angoscia o voltastomaco.

divider

7 commenti a “La stazione di Bologna”

  1. ff:

    Mi chiedo perché a parole ci siano tanti contrari alla pena di morte, quando la soluzione a certi problemi (es. fascismo) sembra essere solo morte.

  2. gp:

    @ff, esatto! Uccidiamo chi uccide! In men che non si dica saremmo tutti scomparsi: l’ultimo che uccider√† dovr√† ammazzarsi da solo, per√≤.

  3. Lobo:

    Una Tigelleria Tradizionale, molto probabilmente fa Tigelle! E se sei fortunato, gnocco fritto.

  4. for those...:

    Gnocco fritto = Piacenza

    -mr precisino-

  5. Lobo:

    Mr precisino:
    Gnocco Fritto – Modena/Reggio
    Torta Fitta – Parma

    “Nella parte nord-orientale della provincia di Piacenza √® comune la dizione dialettale chisul√©n (italianizzata in chisolino), ma ultimamente √® in via di diffusione in tutta la provincia il nome parmense in italiano di torta fritta (anche in quelle zone del Piacentino dove √® stato introdotto solo nell’ultimo decennio).”
    (From Wikipedia Italia)

  6. D# AKA BlindWolf:

    Ragazzi… sono in carenza di zuccheri… mi state facendo venire appetito! :-)

  7. Ernesto:

    La stazione di Bologna √® efficiente e pulita. I treni arrivano in ritardo, non sempre, per ragioni innumerevoli, ovviamente la stazione non c’entra. Il sistema dei binari √® altamente razionale, forse ci sono dei soggetti che dovrebbero tornare all’asilo se non sanno neanche prendere un treno, e non riescono ad orientarsi in un ambito razionale e ordinato. La strage fu un fatto complesso, ancora oggi le logiche, e le responsabilit√† dei gruppi che ne furono responsabili, sono ignote. i fascisti ci sono in tutte le societ√† non vanno n√® bastonati, n√® incoraggiati, basta combatterli con la democrazia come tutti i marcioni, i sovvertitori dell’ordine sociale, e tutti coloro che con qualche sproloquio anarchico si credono superiori alla massa.

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2020 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike