Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Ven 23 - 14:13
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
giovedì 22 Aprile 2010, 14:57

Casa pidiello

La trasmissione in diretta streaming, sul sito del Corriere, della direzione nazionale del PDL, quella in cui Berlusconi e Fini si dovevano chiarire, resterà un evento degno di nota per vari motivi (nonostante le scaramucce politiche dentro il governo abbiano anche lo scopo, più o meno pianificato, di distrarre gli italiani dal disastro della loro economia). Intanto, non mi era mai capitato di vedere trasmessa in diretta una riunione di partito di questo livello; per carità, può darsi che le trasmetta anche il PD, ma una riunione di direzione del PD dev’essere emozionante come la Corazzata Potemkin, dunque se le trasmettono siamo lieti di non doverle guardare.

Ma veniamo a oggi: prima Gianfranco ha esposto tutte le sue accuse a Silvio, dicendo quel che pensano quasi tutti gli italiani, a partire dalla distruzione sistematica della giustizia per parargli il sedere dai suoi processi; dopodiché Silvio ha preso la parola a sorpresa e attaccato Gianfranco, e per qualche secondo si è verificata in diretta una scena leggendaria, con Berlusconi sul palco che accusa e Fini che si alza, solo in mezzo alla platea, e da sotto il palco gli punta il dito contro, tutti e due palesemente fuori di sé e incazzati a livello personale.

ber_20_672-458_resize.jpg

Ecco, lì si è capito che la lite va oltre; non è politica, non è mediatica, è semplicemente lo scazzo continuo tra due ex consorti che non si sopportano più. Silvio rimprovera Gianfranco in tono paternalistico, “Gianfranco, te l’ho spiegato cento volte che io non parlo col direttore del Giornale”, “facciamo le riunioni, ma tu alle riunioni non partecipi, non sei venuto nemmeno in piazza San Giovanni”, e Gianfranco in modo passivo-aggressivo che platealmente, davanti alle telecamere, fa gesti tipo “che cavolo dici”, “buona questa”, e persino “mavalaaaa”. Ci mancava poco che cominciassero a rinfacciarsi a vicenda di quando Gianfranco non stirava bene le camicie di Silvio e quando Silvio usciva la sera lasciando Gianfranco solo in casa davanti alla TV; e, se ci fossero stati lì i piatti del pranzo, indubbiamente qualcuno di essi sarebbe anche volato. Una lite matrimoniale in diretta!

(Fantastici anche quelli che da dietro riprendevano col cellulare – e sono deputati! – ma soprattutto uno: due poltrone più in là rispetto a Fini che urla, Lamberto Dini che, refrattario a tutto e tutti, se la dorme della grossa con la testa appoggiata su una mano.)

Fa persino bella figura Scajola (no dico, Scajola) che li invita a non mandare i figli a litigare tra loro in TV, quelli che vogliono più bene al papà contro quelli che vogliono più bene alla mamma, che poi a qualcuno viene il dubbio che anche nel PDL si litighi come dei bambini. Ma vedete, facendo anch’io politica ho capito una cosa: che l’elemento umano è importantissimo. Che tutti fanno appelli a spersonalizzare, a discutere di idee, a non formare gruppetti di amici e a non compilare liste di nemici, a non dividersi per gelosie e a non portarsi rancore, ma poi la verità dei fatti, dal Consiglio dei Ministri al consiglio di quartiere, è che la politica – se è fatta per passione, anziché per professione o per interesse – attrae anche e soprattutto chi ha un ego sviluppato.

E allora, a me la lite senza quartiere tra Gianfranco e Silvio fa sinceramente simpatia: non solo perché mi ricorda scazzi furibondi vissuti direttamente, ma perché evidenzia come puoi passare le giornate a nuotare nel tuo deposito pieno di dobloni e a passare in rassegna tutte le veline della TV italiana, ma essere comunque infelice e furioso perché un Gianfranco qualsiasi non ti ama più.

divider

6 commenti a “Casa pidiello”

  1. valeskywalker:

    nelle ultime 24 ore la cronaca riporta la crisi tra tre coppie che rappresentano i pilastri d’Italia: moratti e balotelli, silvio e gianfi e pure belen e corona.
    siamo allo sbando, qualcuno consoli sandro bondi altrimenti ci sommergerà di lacrime e poesie.

  2. simonecaldana:

    secondo me e’ infelice e furioso perche’ questa cosa rischia di fargli perdere il posto paraculato.

  3. Yari:

    FFFFFFFUUUUUUUU

  4. D# AKA BlindWolf:

    Adesso vedremo se Gianfr^H^H^H^H^H^H (vaffanculo all’abitudine di chiamare i personaggi politici per nome) Fini sa solo abbaiare o anche mordere.

  5. Helen:

    bene, ora non ti manca che leggere Lowen.

  6. Michele Ferraudo:

    Forse che trasmettere le dirette degli appuntamenti politici è una condizione necessaria ma non sufficiente?

    La visione della Direzione del PDL e dell’Assemblea di 5 stelle, dal punto di vista della comunicazione, mi suggerisce l’idea che i video non bastino. Né quelli taroccati dei no tav, né quelli paludati di 5 stelle Piemonte, e neanche quelli con i vaffa “sinceri” tra Fini e Berlusconi.

    E in questo diluvio di informazioni io ancora non ho capito perché Grillo si allea con il principe del cemento in Liguria, con i PD “prima repubblica” in Valsusa ma contro la Bresso e a favore di Cota in Piemonte. Perché ed a nome di chi fa votare prima e scarica poi De Magistris…

    Ed anche perché, devo dirlo altrimenti Bono mi accusa di essere “filo Favia”, sia meglio un compagno di corrente con un pugno di preferenza piuttosto che una donna che ne prende un mare in un provincia diversa dalla propria. In Emilia, infatti, dopo aver scelto le candidature multiple in stile Berlusconi, il movimento 5 stelle litiga in stile prima repubblica per le opzioni, e lascia che il Bolognese Favia “scelga” come collegio di elezione “Modena” per lasciar entrare il secondo bolognese, altrimenti trombato.

    Però, tranquilli, i grillini non litigano solo in Piemonte, in Emilia ed in Liguria. Litigano anche nelle Marche…

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike