Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Dom 25 - 7:04
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
sabato 10 Aprile 2010, 12:05

Le ipoteche del Fila

Per parlare nel dettaglio della storia dello Stadio Filadelfia e delle manovre attorno alla sua ricostruzione ci vorrebbe un libro (comunque, in rete potete trovare un buon riassunto).

In breve, per√≤, la situazione si pu√≤ riassumere spiegando che quell’area fa gola a parole ai politici per via del consenso che porterebbe la ricostruzione, ma soprattutto fa gola in sostanza a speculatori di vario genere, tutti pi√Ļ o meno ammanicati politicamente, per il valore edilizio che avrebbero un centro commerciale o una serie di palazzine costruiti su di un’area relativamente centrale come quella. In termini economici, nessuno ha interesse a ricostruire il Fila come dovrebbe essere, cio√® un centro sportivo al servizio del Torino e del quartiere; le altre ipotesi – compreso il “centro sportivo” costituito da un campo di subbuteo circondato da negozi – sono molto pi√Ļ redditizie.

Le manovre sono state tante, e l’ultima scusa per bloccare la ricostruzione era data dalle ipoteche derivanti dal fallimento della Ergom di Cimminelli. Il terreno, infatti, era di Cimminelli, che aveva anche messo dei soldi (3,5 milioni di euro) a garanzia della ricostruzione, insieme ad un altro milione di euro messo dalla Bennet come oneri di urbanizzazione, in cambio della possibilit√† di costruire il supermercato (gi√† fatto e attivo da anni) nella vicina area “ex Chinino”. Gi√† tre anni fa il Comune si era “dimenticato” di riscuotere i 3,5 milioni di euro: ricordiamo infatti che dopo il fallimento il terreno del Fila √® tornato al Comune, ma il patrimonio della Ergom, con annessi e connessi, √® finito, indovinate un po’, alla Fiat. La questione del credito pareva per√≤ risolta, e insomma, il terreno c’√®, i soldi (privati!) ci sono, perch√© non si costruisce?

Era poi venuto fuori – solo dopo indagini e insistenze da parte dei tifosi – che il problema era il seguente: l’area del Filadelfia era stata ipotecata dall’Agenzia delle Entrate, a garanzia di tasse non pagate dalla Ergom in seguito al fallimento. Anche questo per√≤ non doveva essere un problema: i soldi c’erano, bastava che il Comune ne usasse un po’ per riscattare il terreno dall’ipoteca. E per√≤, per anni, questo non √® successo… mentre hanno cominciato a spuntare come i funghi nuove ipotesi di campi di subbuteo circondate da negozi, promosse da questa o quella cordata.

Ieri, invece, √® stata una giornata storica: finalmente il Comune di Torino, sotto la pressione rumorosa dei tifosi, ha accettato di pagare 535.000 euro (non pubblici: presi dai crediti di cui sopra) e annullare l’ipoteca. Come mai?

Beh, certo non stupir√† che la cosa sia avvenuta dieci giorni dopo l’elezione regionale inaspettatamente persa dal centrosinistra – in cui, tra l’altro, il neo consigliere regionale leghista Carossa ha fatto ampie promesse in merito. Se prima la filosofia di Chiamparino era “non ho pi√Ļ bisogno di loro” (cio√© dei voti dei tifosi), come dichiar√≤ durante una travagliata seduta di consiglio comunale in cui si discuteva della faccenda, ora il centrosinistra se la fa sotto all’idea di perdere anche il Comune: e dunque, magicamente, le ipoteche sul Fila si sono sbloccate.

Penso male? Giudicate voi…

divider

4 commenti a “Le ipoteche del Fila”

  1. gianlu:

    pensi benissimo! Questa vicenda, annosa, ha visto coinvolti politicanti e affaristi di ogni genere (tra i primi non dimentichiamo diego novelli cui saremo sempre grati per essersi preso la briga di abbattere quel che rimaneva dello stadio). Si √® certamente sbloccato qualcosa, non solo grazie al cravattino granata dell’assessore, ma √® proprio difficile non pensare al “nuovo clima politico” piemontese. Come gi√† per la guida della societ√†, ora torneranno alla carica nuovi spiriti granata, immobiliaristi che si sono sposati a superga, consiglieri regionali marenghi con le foto di mazzola ecc. Toccher√† ai tifosi, ancora una volta, vigilare.

  2. Marco:

    Abitando a 100 m dal Fila posso dire di esserci nato e cresciuto e lo spirito che si respirava l√¨ dentro, parlando con i veci, con mio padre (che andava a giocare a bocce al gabetto) e con loro… si loro i Pulici e Graziani e Pecci e Castellini (che da una settimana per l’altra volevano sapere come era andato il compito in classe di cui gli avevamo parlato la volta prima) devo dire che hanno contribuito non poco a forgiare il mio carattere fuori dal campo di gioco.
    Per√≤, secondo me fare ora una copia aggiornata del Fila proprio l√¨ √® sbagliato perch√© il mio sogno sarebbe un centro sportivo Torino sullo stile della Pinetina o, meglio ancora quello da pochi anni messo su dal Novara Calcio. Ossia una soluzione “atta allo scopo” (quanti comuni della seconda cintura si proporrebbero ?).
    Il Fila,per chi lo ha vissuto, non deve essere sovrapposto ad un qualcosa solo perché così siamo sicuri che non ci fanno un condominio.
    Io proporrei la creazione di un bel giardino con tante panchine per gli anziani ed il campo di calcio dove giocavano “LORO” sempre perfetto con pali, porte e bandierine con la possibilit√† di poterci giocare a tutti i bambini del quartiere.
    Tutto intorno un museo all’aperto con foto dei ns eroi e dei loro record ed infine un piccolo ma “bastante” barbeque per fare le rimpatriate che ci piacciono tanto.
    Lo spazio è troppo piccolo per una squadra che in futuro potrebbe ambire a grandi traguardi per cui perché non lasciare il segno con una iniziativa che, in tal modo, impedirebbe per lungo tempo di piazzare mattoni e cemento in luogo sacro per noi granata.

  3. Lobo:

    L’idea di Marco non e’ affatto malsana. I punti che muove sono sensati, e l’idea di un giardino con campo da calcio “mantenuto” stile “opera d’arte contemporanea”non sarebbe male.

  4. Marco:

    Ringrazio Lobo per l’apprezzamento e mi auguro che un giorno sia possibile realizzare qualcosa di simile.

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike