Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 4 - 20:49
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
venerdì 9 Aprile 2010, 19:38

Tecnofobia

Stamattina, Torino Porta Susa, ora di punta. Mancano pochi minuti alla partenza del regionale per Milano e l’atrio della vecchia stazione √® pieno di gente in coda agli sportelli per fare il biglietto: urla, spintoni, sceneggiate sul tema “fatemi passare, il mio treno sta per partire”.

E l√¨ nell’angolo, tre macchinette automatiche perfettamente funzionanti, una occupata, due completamente vuote. Ho persino potuto fare anche il biglietto del ritorno, visto che non c’era nessuno dietro di me!

Effettivamente la procedura di acquisto Trenitalia √® piuttosto bizantina e tutt’altro che usabile: geniale l’idea per cui puoi impostare un luogo di partenza diverso dalla stazione attuale, ad esempio per fare il biglietto di ritorno, ma l’elenco delle destinazioni pi√Ļ popolari che subito dopo ti offre la macchinetta √® standard e non contiene la destinazione del 90% dei biglietti di questo tipo – ovvero la stazione in cui sei. Comunque, davvero non si spiega come cos√¨ tanta gente preferisca perdere il treno che mettersi a usare la macchinetta (e se lo fa, si guarda bene dal pagare col bancomat, che pure quasi tutti hanno in tasca: insiste nell’infilare venti volte banconote spiegazzate e poi spendere trenta secondi a raccogliere il resto in monetine); a meno che davvero gli italiani siano convinti che la tecnologia √® figlia del diavolo.

divider

3 commenti a “Tecnofobia”

  1. Mike:

    Io un’idea ce l’avrei. Per l’uso del bancomat se normalmente questo non risulta disponibile o disabilitato, l’utente evita di perdere tempo e preferisce perdere trenta secondi con le monetine che rischiare di perdere due minuti perch√© il bancomat non conclude la transazione.

    Per l’uso in generale delle emettitici la stessa cosa: dopo anni di macchinette malfunzionanti l’utente medio le evita, e la procedura complessa di uso certo non aiuta…

  2. Massimo Manca:

    La cosa ha i suoi vantaggi; per esempio, io non viaggio in autostrada abbastanza da giustificare il fatto di prendermi un telepass, ma in pratica sono quasi comodo come se ce l’avessi, perch√© la ggente snobba e desertifica i caselli Viacard (dove si pu√≤ tranquillamente pagare con un normale bancomat senza neanche mettere il PIN) per raggrumarsi in coda ai caselli contanti.

  3. simonecaldana:

    Sono assolutamente a favore di questo comportamento delle masse, come delle lotterie. Pi√Ļ gente si comporta cos√¨ pi√Ļ benefici io ne traggo. MWAHAHAH

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike