Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Ven 17 - 5:03
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 27 Gennaio 2010


mercoledì 27 Gennaio 2010, 21:12

Telepasso sotto silenzio

Degli aumenti insensati delle autostrade piemontesi ho già parlato alcuni giorni fa; volevo però mettervi in guardia su una vicenda a me capitata.

Da un paio d’anni ho preso il telepass – precisamente da quando il mio commercialista mi ha detto che, se volevo poter detrarre dal reddito le spese dei viaggi di lavoro, per il fisco non erano più sufficienti le ricevute dei caselli autostradali, ma serviva una fattura intestata a me, ottenibile o raccogliendo gli scontrini e inviandoli a fine anno alle autostrade per farseli fatturare (hai voglia) o con il telepass.

E così, mi sono piegato all’insensata gabella del canone mensile – il telepass fa risparmiare alle autostrade i costi dei casellanti, sarebbero loro a doverti fare uno sconto… – e ho preso l’aggeggino, che in effetti ti risparmia anche le code.

A gennaio dell’anno scorso, raccogliendo le fatture a fine anno, mi ero accorto che un viaggio mi era stato addebitato nella classe sbagliata, come se fossi stato un furgone. Facevano un paio di euro in più, ma per principio ho scritto a info@autostrade.it chiedendo la correzione; e dopo qualche giorno mi risposero che la cosa era stata effettuata.

Qualche giorno fa, raccogliendo le fatture del nuovo anno, mi sono accorto che mi era sì stato riaddebitato il pedaggio correttamente, cioè con un paio di euro in meno, ma… non mi era stato stornato quello sbagliato! Così ho dovuto riscrivere, e dopo un po’ di giorni mi hanno risposto che lo storno era stato già effettuato un anno fa, ma c’era stato un “errore tecnico” nella processazione e così non era andato a buon fine.

Naturalmente mi hanno giurato che vedrò un rimborso sulla prossima fattura… ma quante persone si mettono a controllare viaggio per viaggio le fatture del telepass? Eppure, visto l’andi, credo che convenga farlo sempre: guarda caso, gli errori sono sempre a sfavore del cliente…

divider
mercoledì 27 Gennaio 2010, 13:16

Nuove a Porta Nuova

Ieri, dopo alcune settimane dalla mia ultima e turbolenta visita, ho preso un treno da Porta Nuova.

Con la ristrutturazione Porta Nuova ci ha guadagnato in sicurezza e luminosità, ma si è anche trasformata in un contenitore semivuoto di negozi e attività commerciali perennemente “in prossima apertura”. Se dovessi scommettere, penso che molte non apriranno mai, a meno di un improbabile cambio di clima economico; scommetterei anche che parte dello sciagurato tentativo di abolire la fermata di Porta Susa dei treni alta velocità fosse legato all’idea di costringere la parte più danarosa della clientela ad attraversare per forza il centro commerciale di Porta Nuova per prendere il treno per Milano.

Comunque, in queste ultime settimane qualcosa è cambiato: infatti, dopo una brevissima esistenza, hanno già chiuso la nuova biglietteria allestita nella sala dai soffitti di legno sul lato di via Nizza, e l’hanno spostata in un nuovo vano davanti ai binari, lato via Sacchi. Bene, finalmente sarà una sistemazione definitiva? Mah, spero di no: infatti la nuova biglietteria è ancora più piccola della precedente, e pur essendo andato in un momento di morta (le 11:30 del mattino) la coda era di una ventina abbondante di persone.

Per non parlare del fatto che anche qui, sebbene in maniera meno devastante che a Milano Centrale (a Milàn fanno sempre le cose in grande), sono riusciti ad abbattere l’efficienza del percorso di accesso ai treni. Se i nostri padri nel 1861 avevano costruito la stazione con la biglietteria esattamente al centro c’era un motivo: entrando da qualsiasi ingresso si convergeva direttamente al centro, si faceva il biglietto e si andava dritti ai binari. Oggi no; bisogna arrivare fino ai binari, andare fino in fondo al lato destro, fare il biglietto, e poi se il treno è sui primi binari bisogna riattraversare tutta la stazione. D’altra parte, logicamente al centro della stazione ci deve stare un negozio di intimo per signora, no?

In compenso ha aperto il nuovo supermercato, presso l’ingresso su via Sacchi circa a metà della stazione. E ho trovato molto indicativo sull’attuale stato di Torino che esso sia in realtà un discount della catena Dico

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike