Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 18 - 8:59
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 13 Dicembre 2009


domenica 13 Dicembre 2009, 20:13

Da piazza Fontana a piazza Duomo

Da piazza Fontana a piazza Duomo sono quarant’anni, ma solo pochi metri e quasi nessun cambiamento.

Quarant’anni fa, una strage di cui non si seppero mai i colpevoli – ma solo perch√© le indagini, giunte a ipotizzare un coinvolgimento dei nostri servizi segreti, furono fermate dall’alto dallo stesso Stato italiano – segn√≤ l’inizio della strategia della tensione, e port√≤ l’Italia negli anni di piombo, secondo un piano di poteri misteriosi che √® stato solo parzialmente svelato, e che per√≤ ha portato l’Italia dritta nelle mani di Craxi prima e Berlusconi poi.

L’episodio di stasera – uno sconosciuto che tira un souvenir di ferro in faccia a Berlusconi, mandando in giro per il mondo le immagini del nostro premier con la faccia coperta di sangue – pu√≤ essere tutto. Pu√≤ essere uno squilibrato influenzato dalla tensione montante, oppure pu√≤ essere un esaltato tra i tanti scontenti e contestatori, oppure pu√≤ essere un provocatore mandato dal nostro stesso governo o da chiss√† quale terza parte; nella storia d’Italia si sono gi√† verificati tutti questi casi.

Il dato di fatto √® che questo episodio copre la verit√† politica, ben raccontata nel suo blog da Beppe Caravita (che l√¨ c’era), cio√® che in piazza ad applaudire Silvio non c’erano pi√Ļ le folle oceanica dei tempi migliori, ma solo un paio di migliaia di quadri di partito e fedelissimi pensionati, accompagnati da un gruppetto di contestatori. Senza questo caso, la scena sarebbe stata la solita: i telegiornali servi avrebbero parlato di grandi folle e pochi contestatori violenti a parole, ma molti avrebbero capito che la presa mediatica di Silvio √® sempre pi√Ļ debole, che gli italiani non sono scemi, e che la crisi economica che da sempre rovescia i governi finir√† per rovesciare anche questo.

La rabbia, infatti, monta: ed √® lo stesso Berlusconi a farla salire, a forza di manganellate, di repressione, di controllo mediatico, di azioni tipiche di una dittatura crescente che provocano nelle persone la sensazione che la manifestazione di piazza, se non addirittura la violenza, sia l’unica risposta possibile; perch√© le istituzioni democratiche non funzionano pi√Ļ, non rispondono pi√Ļ ai cittadini, non sono pi√Ļ una via praticabile per difendere i propri diritti e cambiare le cose.

Io nella democrazia ci credo ancora e sto provando da anni a farla funzionare; so che, senza dubbio alcuno, la violenza √® sbagliata sempre; eppure non riesco a scandalizzarmi per il volto di Silvio coperto di sangue, dopo aver visto per mesi e per anni i video di persone inermi di ogni genere manganellate selvaggiamente dalla sua polizia. Berlusconi raccoglie solo la violenza, verbale e fisica, che sta seminando da parecchio tempo; e chi vuole essere sempre al centro dell’attenzione, celebrato e adorato nei momenti positivi, finisce invariabilmente per venire usato come capro espiatorio e massacrato dalla folla quando la ruota gira. Berlusconi lo sa, e aspettiamoci sempre pi√Ļ polizia, sempre pi√Ļ repressione, perch√© sa che a forza di tirare la corda potrebbe veramente finire esiliato o bersagliato di monetine.

C’√®, per√≤, una domanda inquietante che √® necessario porsi, ritornando al punto di partenza del ragionamento. La contestazione dal basso a Berlusconi – il popolo viola – √® sincera, √® davvero desiderosa di salvare la democrazia e la legalit√† che Silvio erode da anni. Ma √® manovrata?

Gi√†, perch√© persino io che credo nella rete e ci vivo da quindici anni, che vivo l’opposizione in piazza e dall’interno, ho i miei dubbi su quello che sta succedendo. Tutto, nella nostra societ√†, √® manovrabile e manovrato mediaticamente – anche l’opposizione alle manovre mediatiche. E in maniera sotterranea, anche se visibile a chi sappia cercare, si giocano in questi anni battaglie importanti.

Di rivoluzioni colorate in questi anni – alcune riuscite, altre fallite – se ne sono viste parecchie: in Ucraina, in Georgia, in Iran… Tutte, invariabilmente, mirate ad abbattere governi antiamericani e sostituirli con governi filoamericani. Non c’√® dubbio che Silvio abbia rotto gli equilibri, che abbia portato l’Italia ad essere il pi√Ļ fedele alleato europeo della Russia, che vada in giro a farsi vedere con Gheddafi e Lukaschenko non perch√© √® un pazzo, ma per sbattere in faccia a tutti che lui sta da quelle parti l√¨, da quelle che possono riversare nelle tasche sue e (in misura minore) dell’Italia un sacco di soldi, ma che all’Occidente non piacciono. Non che Lukaschenko sia una frequentazione di cui vantarsi, ma si sa che i regimi autoritari sono dittatoriali e antidemocratici se non sono economicamente alleati dell’Occidente, mentre sono semplicemente forti e capaci se fanno gli interessi dell’Occidente.

E’ chiaro a chi segua un po’ gli scacchieri sotterranei che Berlusconi √® stato scaricato: √® impresentabile persino per i poteri forti che l’hanno messo l√¨ vent’anni fa, e comunque ha iniziato a fare di testa sua, ha pensato, nel puro stile del megalomane quale √®, di potersi sganciare dai suoi manovratori, di poter fare sgarbi a chi non √® affatto disposto ad accettarli. I regimi che piacciono a chi conta sono quelli che non sono sempre sulla bocca di tutti, sono i club quieti che si incontrano a porte chiuse e decidono a cena i prossimi governanti europei e le parti meno democratiche del Trattato di Lisbona. Berlusconi non va proprio pi√Ļ bene; come (per altri motivi) salt√≤ Moro, deve saltare anche Berlusconi.

E quale modo migliore per farlo che aizzargli contro le sue stesse folle? In fondo c’√® una crisi economica che capita a fagiolo; e per quanto io ami la rete, so che essa √® un grande strumento di democrazia, ma anche un grande strumento di manovra, dove √® facilissimo che le cose non siano come sembrano e dove chiunque pu√≤ essere strumentalizzato o pu√≤ non essere chi dice di essere, persino un santo precario del Leonka di Milano o un blogger che nessuno ha mai sentito nominare.

E allora, con tecnica sopraffina, monteranno le folle colorate, sfruttando la sacrosanta rabbia della gente, e poi ottenuto lo scopo non ci sar√† alcun mondo nuovo, ma soltanto un regime meno sfacciato e uno o pi√Ļ leader conservatori pi√Ļ affidabili e amici di chi li ha mandati – un Fini, un Di Pietro, un Casini o chiss√†. E se la rabbia non sar√† sufficiente, basteranno un paio di duomidimilano di ferro lanciati ad arte per farla montare… o i black bloc di turno, o una qualsiasi delle abbondanti tecniche di provocazione che gi√† abbiamo visto all’opera.

Cosa sia l’incidente di questa sera nessuno lo sa esattamente; forse era solo uno squilibrato, del resto √® facile far saltar fuori un utile idiota a forza di soffiare sul fuoco. Lo scenario, per√≤, √® chiaro. Noi, la folla, faremo comunque ci√≤ che dobbiamo fare, sapendo che sulle nostre teste si giocano partite che difficilmente potremo influenzare; teniamoci almeno la consolazione di provare a comprenderle.

divider
domenica 13 Dicembre 2009, 16:02

Ottimista

Non so perché, ma è da ieri notte che non riesco a togliermi dalla testa questa vecchia canzone dei Radiohead intitolata Optimistic (qui in un video indipendente):

Come tutte le canzoni dei Radiohead di questo decennio, √® piuttosto ermetica: potete scegliere voi se si tratta di un commovente invito ad essere ottimisti anche in tempi difficili, oppure di una critica sarcastica dell’ottimismo propagato dai media in un momento storico dove non ci sono molte ragioni per averne.

Ma siccome il testo cita La fattoria degli animali e Orwell √® uno dei principali ispiratori della band, mi sembra il caso di aggiungere anche il video di 2+2=5, la storia della societ√† moderna raccontata a fumetti: se non l’avete mai visto, vi fornir√† una spiegazione piuttosto chiara.

P.S. Il punto fondamentale di queste canzoni è che lo strumento che emette i suoni acuti, vibrati e misteriosi durante il primo brano è un onde Martenot Рsostanzialmente un theremin con la tastiera. Non dimenticatelo.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike