Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mar 25 - 16:38
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il mese di Aprile 2010


lunedì 19 Aprile 2010, 16:24

Forza maggiore

“Buongiorno, mi dica…”
“Mi dica un corno! E’ un’ora che sto qui in coda, non potreste mettere pi√Ļ persone?”
“Ci scusi, sa, da tre giorni siamo in piena emergenza, tutti i voli sono bloccati…”
“Come bloccati?”
“Ma s√¨, non ha visto il telegiornale, il giornale, qualcosa? Tutti i voli in Europa sono sospesi fino a nuovo ordine…”
“Ma io devo andare a Londra, ho un appuntamento domani. Guardi qui… volo A Z…”
“Purtroppo i voli sono sospesi per via della nube di cenere che ricopre l’Europa, non possiamo proprio volare in queste condizioni.”
“Ma come non potete volare! Ma se fuori c’√® il sole! Dove sta questa cenere?”
“Guardi non si vede ma c’√®, √® fine fine fine…”
“Ma mi prendete per il culo? Io domani ho una riunione a Londra, devo essere l√¨! Siete sempre i soliti, maledetta Alitalia… mai che lavoriate…”
“Ma non si permetta! Non √® colpa nostra, sono bloccati i voli di tutte le compagnie, √® un caso di forza maggiore, l’eruzione di un vulcano in Islanda…”
“L’eruzione di un vulcano in Islanda? E sticazzi! A me chemmefrega dell’Islanda, io il biglietto ce l’ho con voi…”
“No guardi, noi possiamo solo metterla su un altro aereo per domani, ammesso che domani i voli partano e che ci sia posto, entrambe cose improbabili…”
“S√¨ ho capito ma il mio appuntamento √® importante, signorina, sono sicuro che qualche aereo parte, c’√® di sicuro qualche VIP che deve andare a Londra… tipo Beckham, se arriva lui lo fate volare sicuramente…”
“No guardi”
“Ma s√¨, come se non vi conoscessi, l’Italia funziona cos√¨… guardi l’appuntamento √® importante, io posso darle 50 euro, 100 euro… se mi mette gentilmente in lista per partire oggi…”
“Ma la ringrazio molto, ma veramente non parte niente, non c’√® niente da fare…”
“Ma io ci perdo un affare di miliardi! Mi-liar-di!! E io i danni a chi li chiedo?”
(sospirando) “Eh, li chieda all’Islanda…”
“Sarebbe da fare, ma non lo sa che l’Islanda √® fallita l’anno scorso? Fallita! Non hanno pi√Ļ nemmeno gli occhi per piangere!”
“Appunto, ci stanno ripagando in cenere…”
“E noi mandiamogli i carri armati! Che li paghiamo a fare se no?”
(ridendo) “Ma su, che scherza?”
“Non scherzo mica!! Qui l’economia √® un disastro, proprio ieri dicevano che la crisi durer√† ancora sei-sette anni, capisce! Sette anni! E io che sono uno dei pochi che si sbatte per questo Paese, adesso sono qui bloccato! A Londra c’avevo l’appuntamento con un cinese per un affare che poteva risollevare la mia azienda…”
“Davvero?”
“S√¨, un import di souvenir! Milioni di modellini del Duomo fatti in Cina, li importi in Italia, ci scrivi sopra MADE IN MILANO… li vendi ai russi… anche a qualche italiano… sono multiuso…”
“Ma signore, ma guardi che tanto, anche il cinese, a Londra mica ci arriva… √® tutto bloccato…”
“Lo dice lei! Guardi che i cinesi corrono, corrono! Mica come gli italiani… a proposito, ma almeno mi pagate l’albergo?”
“No ci dispiace, √® una causa di forza maggiore, lei non ha diritto a compensazioni. Non √® colpa nostra se non si viaggia, √® semplicemente che non si pu√≤!”
“Non si pu√≤, non si pu√≤… come √® possibile che non si possa? Il solito scandalo all’italiana! Se non mi fate arrivare a Londra entro stasera vi denuncio! Guardi che chiamo l’avvocato…”
“E lo chiami l’avvocato, cos√¨ vede cosa le dice…”
“Eh, adesso che ci penso, era andato a puttane nel Baltico… dice che √® ancora l√†?”

divider
sabato 17 Aprile 2010, 18:19

Streaming

Domani la terza riunione del Movimento 5 Stelle Piemonte Рdalle 10 fino al pomeriggio Рsarà trasmessa in streaming, con la possibilità di commentarla in diretta (e, tramite i commenti, sollevare questioni a chi è là).

Vorrei complimentarmi con il mio stesso gruppo, perché questa è la miglior risposta alle osservazioni che io ho fatto sul mio blog giorni fa. Pur conservando la mia diversa opinione sulle scelte effettuate dal Movimento in materia di organizzazione interna e di procedure di selezione dello staff, è evidente la buona fede del gruppo, che ha messo in piedi uno sforzo organizzativo importante per tenere subito fede alle promesse di trasparenza effettuate in campagna elettorale.

Spero adesso in una buona partecipazione di pubblico, per provare che davvero c’è un interesse non soltanto di principio, ma fattivo, all’esercizio della democrazia partecipativa.

divider
venerdì 16 Aprile 2010, 14:04

Il pintone

Stamattina ero in coda, alla cassa del mio Lidl di fiducia, e stavo sistemando sul nastro le mie “crepes pomodoro e mozzarella” (sofficini) marca Taverna Giuseppe (non loder√≤ mai abbastanza la legge sulla propriet√† intellettuale che almeno per ora fa scadere i brevetti dopo vent’anni: non sono un esperto, ma sospetto che sia questo il motivo per cui da qualche anno tutta una serie di prodotti innovativi degli anni ’80, dai sofficini alle gocciole, sono disponibili precisi identici anche in versione sottomarca).

E’ stato in quel momento che ho notato dietro di me un signore un po’ anziano e un po’ malmesso mettere sul nastro una cosa sola: un enorme pintone di vino da due lire, di quello che costa come l’acqua e ti chiedi che cosa diavolo ci mettano dentro.

Mi ha fatto tristezza e il primo pensiero √® stato quello di inglobarlo nella spesa e dirgli “offro io”. Poi per√≤ ci ho ripensato: forse il risultato sarebbe stato soltanto quello di aumentare la quantit√† di vino disponibile al signore. Poi ci ho ripensato ancora, che spesso quella considerazione l√¨ si fa per nascondersi il punto vero, quello di non voler essere generosi, magari soltanto per innata diffidenza verso gli altri. E poi… a quel punto stavo gi√† pagando e sono stato preso dall’applicazione degli elementi di logistica della spesa (allego foto della sistemazione finale).

IMAGE_053s.jpg

Ma poi, magari era semplicemente una persona come tutti, che a mezzogiorno aveva ospiti e si era accorto di aver finito il vino. Chi siamo noi per giudicare dalle apparenze?

Tag Technorati: , , ,
divider
giovedì 15 Aprile 2010, 19:51

Buchi neri

Oggi ho scritto e riscritto un post per almeno cinque volte, senza venire a capo di niente. E così, incrociando in giro su Facebook un superclassico come questo dei Soundgarden, ho deciso che esprimeva bene il concetto.

Anche se, per i meno esperti, segnalo che il definitivo video della fine del mondo risale al successivo album; √® molto adatto come musica di sottofondo per un eventuale dittatore che debba trovarsi a premere in successione una serie di pulsanti che facciano esplodere una bomba termonucleare l’uno.

Mi sarebbe piaciuto vedere il singolo del disco successivo, ma sfortunatamente, dopo Blow Up The Outside World, il gruppo si è sciolto. Chissà come mai!

divider
mercoledì 14 Aprile 2010, 15:45

La sentenza sui matrimoni gay

La sentenza della Corte Costituzionale sui matrimoni gay Рoriginariamente prevista per prima delle elezioni Рè arrivata, e come previsto è negativa.

La questione legale, a quanto mi consta, era la seguente: nella legge italiana non √® scritto da nessuna parte che il matrimonio pu√≤ avvenire soltanto tra persone di diverso sesso. Si tratta di una di quelle consuetudini e prassi interpretative che fanno parte della dottrina, un po’ come il fatto che l’articolo 575 del codice penale, che definisce l’omicida come “chiunque cagiona la morte di un uomo”, non implica che uccidere una donna sia legale. Tuttavia, dato il principio di uguaglianza sancito dalla Costituzione, si pu√≤ sostenere che la mancanza di un esplicito divieto del matrimonio tra persone dello stesso sesso sia effettivamente coerente con tale principio di uguaglianza; e cos√¨, alcune coppie omosessuali hanno chiesto ai propri Comuni di effettuare le pubblicazioni di matrimonio, e poi, ottenuto il previsto diniego, hanno impugnato tale decisione davanti ai giudici per venire poi rimandati in sede costituzionale.

E alla fine a quanto pare la Corte ha detto no: quella di ammettere il matrimonio omosessuale è una scelta che non è implicita nella Costituzione, ma sta nella discrezione del Parlamento che legifera.

Se le motivazioni saranno confermate, vuol dire che la via giudiziaria al matrimonio omosessuale è morta o quasi; resta soltanto quella politica Рe visto il clima papalino che vige dalle nostre parti, come dicono a Londra, live horse.

Personalmente credo che alla legge, di un matrimonio, non possa che interessare soprattutto il lato contrattuale, e dunque che sia pi√Ļ che giusto che anche coppie omosessuali possano stabilire tra loro lo stesso contratto concesso agli eterosessuali; e poi, a livello etico, ognuno decida per s√©. E’ comunque una posizione personale, e riguarda una di quelle questioni dove la cosa “giusta” da fare non √® oggettiva ma √® frutto della cultura del proprio tempo. Certo che, partendo dal principio per cui la propria libert√† si spinge fino a dove non lede quella degli altri, non capisco proprio su che basi si possa impedire a persone che si amano di sancire davanti alla legge la propria unione, condividendo diritti e doveri.

divider
martedì 13 Aprile 2010, 23:53

Ci mettono la guerra dei poveri

Stamattina a Milano, autobus 54. Sono in ritardo e perso nella coda lunga del traffico della fu ora di punta, che ora si trasforma lentamente nella met√† mattinata. Il mio seggiolino guarda indietro, vedo soltanto il passato; ma improvvisamente, dietro di me, si alza una voce. Ha un forte accento napoletano, √® roca, capisco che il signore √® abbastanza vecchio, avr√† una sessantina d’anni. Esordisce con un proclama indirizzato a tutto il pullman: “Signori, ci mettono la guerra dei poveri!”

Il proclama prosegue, sciolto ma sentito, studiato per bene ma anche accalorato e sincero. Racconta storie di figli in cassa integrazione, di giovani drogati, di suicidi per disperazione. Ci mette in mezzo che “i politici ci hanno abbandonato, prendono 40 mila euro al mese e noi moriamo di fame”, e che “i meridionali negli anni ’50-’60 li trattavano come animali, ora ci lasciano a casa senza pensione e senza assistenza”. La colpa di tutto √® dei potenti che “gli italiani li vogliono tutti drogati e puttanieri” perch√© adesso tutti i diritti vanno a “i zingari e gli stranieri”. Poi alla fine, dopo avere ripetuto tre o quattro volte alcune parti del proclama, chiede gentilmente dei soldi, “per non andare a rubare”.

E’ purtroppo ormai scontato che la quantit√† di persone ridotte a chiedere l’elemosina sia in costante aumento. Non √® cos√¨ scontata, per√≤, la scelta del capro espiatorio; perch√© sospetto che questa persona, se vota, vota Lega o Berlusconi. Come in Thailandia, dove il governo espressione della middle class istruita √® sotto attacco nelle piazze da manipoli di contadini vestiti di rosso, assolutamente convinti che i loro diritti sarebbero meglio difesi da un miliardario spodestato qualche mese fa.

E però, alla fine di capri espiatori non si vive; e tutta questa rabbia repressa dovrà prima o poi da qualche parte scoppiare.

divider
lunedì 12 Aprile 2010, 09:51

La lunga via per la democrazia (2)

Il sottotitolo del mio blog, da anni, √® “come rovinarsi una brillante carriera in Italia”: infatti vanto una notevole capacit√† di farmi dei nemici raccontando semplicemente ci√≤ che vedo. Il post della settimana scorsa, che raccontava della prima riunione del Movimento 5 Stelle Piemonte dopo le elezioni, ad alcuni dei miei compagni di attivismo (una minoranza, sia chiaro) non √® piaciuto; mi hanno pregato di “attenermi al verbale ufficiale”, invece di raccontare ci√≤ che avevo visto e commentarlo. Mi √® sembrata una reazione piuttosto strana, da parte di un gruppo che come sua bandiera ha quella di portare le webcam nei consigli comunali. Comunque un effetto c’√® stato: alla seconda riunione, sabato, √® stata portata una videocamera che ha ripreso tutto l’incontro, e ringrazio i Grilli Eporediesi che hanno provveduto a farlo.

La riunione si √® aperta riprendendo il tema dell’altra volta. Per prima cosa, si √® detto che, mediante contatti telefonici in settimana tra varie persone, si era giunti a una proposta di compromesso sulla struttura dell’associazione Movimento 5 Stelle Piemonte – quella che gestir√† i fondi pubblici derivanti dagli stipendi dei consiglieri regionali e dai finanziamenti per le spese del gruppo consiliare, e decider√† le assunzioni nello staff dei consiglieri.

La proposta di compromesso si rimangia molto di quanto deciso l’ultima volta: invece di aprire l’associazione a nuovi soci, ci si limita ad espanderla da 18 a 23 membri per includere anche le zone del Piemonte non ancora rappresentate, suddividendo questi membri tra le varie aree in base alla popolazione (5 a Torino citt√†, 7 alla provincia di Torino, 3 a Cuneo e provincia eccetera); i membri saranno nominati dai meetup e gruppi attivi sui singoli territori, anche se per ora saranno cooptati dai 18 attuali.

L’associazione diviene di fatto un gruppo organizzativo chiuso fatto di rappresentanti dei vari territori, simile ad esempio a quello che hanno istituito in Emilia; queste sono le persone che dovrebbero occuparsi di consultare “la base”, riportare e decidere. Spariti gli organi approvati l’ultima volta, le decisioni sia politiche che organizzative vengono rimandate all’assemblea dei 23 membri – e questo non √® un male, ma presenta il rischio che, nella difficolt√† di consultare 23 persone ogni volta, di fatto i consiglieri regionali facciano quel che gli pare.

Io sono stato l’unico contrario a questo modello, perch√© non mi piace l’idea del gruppo chiuso n√© la cooptazione, e avrei preferito una associazione in cui tutti gli attivi del Piemonte potessero entrare. Persa in partenza questa battaglia, ho per√≤ fatto due proposte di emendamento. La prima √® che i 23 rappresentanti venissero nominati non dai meetup e gruppi attivi delle singole province – che in certi casi sono ampi e partecipati ma in altri si riducono a una manciata di amici – ma da tutti gli iscritti al Movimento 5 Stelle residenti nel territorio interessato, mediante votazioni online chiare e trasparenti. La seconda √® un principio contro il conflitto di interessi molto semplice, che riassumerei cos√¨ (e lo evidenzio perch√© per me √® molto importante):

“Chiunque prenda anche solo una lira dei fondi pubblici gestiti dall’Associazione non pu√≤ essere uno dei 23 soci della stessa”.

La prima mozione √® stata respinta anch’essa con un solo voto favorevole, il mio, e contrari gli altri: la ragione, stringi stringi, √® che non ci si fida troppo dei propri elettori, che evidentemente vanno bene quando devono votarti ma non vanno bene quando dovrebbero essere chiamati in causa per scegliere chi gestisce i soldi e le politiche. Io sono un esperto di votazioni online (a partire dalle elezioni At Large di ICANN dell’anno 2000) e so perfettamente che il rischio √® un voto disinformato o quasi casuale; sarei anche molto favorevole a clausole di salvaguardia, del tipo che questi rappresentanti debbano essere attivi nel movimento da almeno 12-18 mesi, e dunque conosciuti; tuttavia farei un torto all’intelligenza e alla preparazione di chi ci ha votato (che √® decisamente superiore alla media italiana) se pensassi che non √® in grado di scegliersi i propri delegati nel Movimento.

Qualcuno mi ha detto che gli elettori “si fanno influenzare da un video carino” (penso parlasse di me) e non premiano chi veramente avrebbe il diritto di essere in pole position per queste cariche di sottopolitica (penso parlasse di se stesso). E’ la stessa persona che, a quanto mi dicono, la sera dei risultati, a Palazzo Lascaris, non capacitandosi di come io avessi potuto prendere 1375 preferenze senza mai venire spedito dal Movimento a parlare su TV e giornali, diceva in giro che evidentemente me le aveva portate la mafia (e scusate se questa me la sono segnata, spero che il racconto non sia vero ma √® perlomeno verosimile).

Esiste in alcuni degli attivisti di lunga data un comprensibile (ma sbagliato) desiderio di non perdere il controllo della baracca, che ha raggiunto ogni tanto dei punti esilaranti; come quando, votata una mozione che determinava l’incompatibilit√† di uno di noi con l’essere membro dell’associazione, si √® aggiunta la clausola che tale incompatibilit√† entrer√† in vigore solo da maggio. Io ho commentato ironicamente “giusto il tempo di poter votare su chi assumere nello staff” e la persona in questione mi ha tranquillamente risposto “eh, ci siamo capiti!”, come se fosse normalissimo.

Infatti c’√® stata un po’ di maretta quando qualcuno ha proposto di dimettersi tutti su due piedi – in fondo nessuno ci ha eletto, ci siamo autonominati all’inizio del percorso per le regionali in quanto persone che avevano voglia di lavorarci – in modo da farci sostituire entro una settimana da persone scelte dal basso, che avrebbero poi gestito la selezione dello staff. Abbiamo votato a favore solo in quattro su quindici. Poi qualcuno ha proposto di farlo tra tre mesi, e stavolta la proposta √® passata con una netta maggioranza, ma anche cos√¨ alcuni dei pochi contrari non l’hanno presa molto bene.

Quanto alla mia seconda mozione, a me sembrava il minimo: essere uno dei 23 membri che decidono a chi dare consulenze o commesse per il Movimento, e nel contempo essere una delle persone che le ricevono, √® un conflitto di interessi grosso come una casa. C’√® un chiaro rischio che si inneschi un meccanismo per cui il gruppo comincia a dare 500 euro di consulenza a te, 500 euro a me, 500 a suo cugino e cos√¨ via. Eppure, giunti al momento di votarla, √® partito il fuoco di fila delle obiezioni: non √® all’ordine del giorno, dobbiamo discuterne meglio, ne parleremo in seguito. Alla fine si √® messo ai voti se discuterne subito o rimandarla a quando si sarebbe parlato dello staff: 7 voti per discuterne subito, 6 per discuterne dopo, 2 astenuti. A quel punto chi non voleva parlarne si √® appigliato al fatto che 7 non era la maggioranza assoluta dei 15 presenti, dunque la mozione era da considerarsi respinta. Per non litigare, si √® ripetuta la votazione che, al secondo tentativo, ha dato il risultato sperato: 7 favorevoli, 7 contrari compreso il Presidente che vale doppio, si rimanda la discussione.

E poi, si √® infine arrivati a parlare di staff: si √® scoperto che, tra fondi regionali per i portaborse e quote ricavate riducendo lo stipendio dei consiglieri, ci sono i soldi per assumere quattro o cinque persone full time a stipendi mica da ridere (2000-2500 euro netti al mese), pi√Ļ pagare consulenti a gettone (avvocato, commercialista, magari dei tecnici) quando servono. Ognuno ha preso la parola per dire quale genere di figure potessero servire; alla fine risulta che lo staff tipico per permettere a due consiglieri di lavorare sia formato da una o due segretarie, un addetto stampa e due portaborse. Qualcuno ha proposto figure un po’ innovative, come un gestore della partecipazione o un videomaker a tempo pieno. Qualcun altro ha detto che i fondi dovrebbero servire anche per pagare il lavoro degli attivi del movimento nei gruppi di lavoro – almeno per quelli che i 23 nomineranno come coordinatori del gruppo.

Io sono intervenuto per sollevare due problemi. Il primo √® che bisogna fare una distinzione netta tra lavoro segretariale/organizzativo (da retribuire per bene), lavoro tecnico (da pagare a gettone, ad esempio un esperto di trasporti se ti serve preparare una proposta in materia) e lavoro politico, quello che faremo noi attivi del Movimento, pubblicamente e in modo aperto a qualsiasi cittadino, discutendo e proponendo nei gruppi di lavoro; e che quest’ultimo, per non ingenerare brutte dinamiche, deve rimanere assolutamente volontario e non retribuito.

Il secondo √® quello dei salti di carriera. Noi siamo contrari ai politici di professione e ci siamo imposti un limite di massimo due mandati nelle istituzioni, prima di tornare al nostro lavoro. Conosco per√≤ molti politici di professione che hanno avuto carriere di questo tipo: prima vengono assunti dal partito per lavorare come quadri, e poi, con lo stipendio pagato dal partito, si mettono a candidarsi. Poi, se ancora non sono stati eletti, magari vengono piazzati come portaborse o come dipendente “quota partito” in un ente pubblico, ad esempio il Comune; e anche l√¨, mentre prendono uno stipendio pubblico, si candidano e si fanno campagna elettorale durante l’orario di lavoro. Alla fine, dai e dai, vengono eletti – anche perch√©, a forza di fare il portaborse, si sono fatti dei “padrini” tra i politici con pi√Ļ anzianit√† – e si fanno cinque anni da consigliere; e poi, se trombati, vengono ripiazzati come portaborse o dipendenti pubblici finch√© non si ricandidano e cos√¨ via.

Noi non vogliamo questo meccanismo squallido e perverso, vero? Dunque bisogna stabilire delle incompatibilit√† tra fare parte dello staff dei consiglieri e potersi candidare nelle liste del Movimento; poi ognuno scelga. Se vuole fare il “politico di leva”, rinuncia a qualsiasi incarico professionale retribuito nello staff del Movimento e negli enti pubblici dove avremo degli eletti; se invece vuol fare carriera da “assistente politico”, rinuncia a candidarsi.

Dovevo capire che le cose non buttavano bene quando ho ingenuamente chiesto “scusate, ma noi per riempire queste posizioni metteremo un annuncio su un giornale e lo faremo circolare pubblicamente, vero?”. Varie persone mi hanno guardato con occhi sgranati e mi hanno risposto “No, questo l’abbiamo gi√† deciso mesi fa, per prima cosa vedremo se c’√® qualcuno di noi 23 che vuole essere assunto, poi se mancano ancora delle posizioni chiederemo ai nostri gruppi di attivi, e proprio se non troviamo nessuno chiederemo in giro”. Qualcuno, onestamente non ricordo chi, ha anche cominciato a magnificare le grandi capacit√† della moglie di un nostro associato, immagino tutte vere, ma mancando completamente di vedere il problema del conflitto d’interessi. Ok, ho capito come butta.

Non vorrei semplificare troppo questo punto; ci sono dei vantaggi, sia di fiducia che di conoscenza della situazione, nell’assumere come portaborse gli attivi del movimento, piuttosto che persone magari anche pi√Ļ capaci ma meno conosciute, meno affidabili, meno convinte delle nostre idee. E trovo anche piuttosto umano, parlando di persone che da due o tre anni hanno dedicato volontariamente al Movimento gran parte della propria vita facendo grossi sacrifici sia economici che familiari, che essi siano allettati dalla possibilit√† di continuare a fare politica lasciando il vecchio lavoro e prendendo 2000 euro al mese da portaborse.

E per√≤, √® sbagliato; non √® quello che abbiamo promesso agli elettori e non √® quello che vogliamo fare. Crea appunto il rischio di cui sopra, quello di creare subito una mini “casta a cinque stelle” che si autopropaga, con persone che grazie alle proprie relazioni in un piccolo gruppetto vengono assunte a posizioni ben retribuite e poi grazie a tale retribuzione possono avere la visibilit√† e il tempo per diventare i naturali candidati del Movimento al giro successivo, a discapito dei veri “volontari della politica”.

Alla fine, comunque, ci si è messi a parlare di incompatibilità; e le cinque proposte erano:
1) Chi fa parte dello staff deve dimettersi dall’associazione, ovvero non far parte dei 23 che gestiscono i soldi e le assunzioni.
2) Chi fa parte dello staff non può essere consigliere eletto da nessuna parte.
3) Chi fa parte dello staff non può candidarsi ad alcuna elezione se non si dimette dallo staff.
4) Chi fa parte dello staff non può candidarsi ad alcuna elezione se non si è dimesso dallo staff da almeno un anno.
5) Un mandato da membro dello staff conta come un mandato da eletto ai fini dei limiti alla ricandidabilità.

Per prima cosa uno ha sollevato una serie di obiezioni su cosa volesse dire “fare parte dello staff”, cercando di definirlo in modo cos√¨ ristretto da lasciare fuori buona parte dei contratti possibili; dopo un po’ di estenuanti lotte verbali si √® riusciti a definire che “fare parte dello staff” vuol dire avere un contratto di lavoro di almeno tre mesi di durata (lasciando dunque fuori tutte le consulenze).

Poi si è votato; la prima proposta è passata; la seconda anche. La terza in origine non esisteva, perché scritta così è abbastanza inutile: è vero che il portaborse con tale regola dovrebbe dimettersi prima di essere sicuro di essere eletto, ma può comunque farsi tutta la campagna pre-elettorale mentre è portaborse, e magari, grazie a quella e/o al consigliere a cinque stelle che lo impiega, ottenere la nomination a candidato sindaco/presidente o comunque costruirsi le relazioni per ottenere molte preferenze con ragionevole certezza; a quel punto può decidere se dimettersi o meno dallo staff a seconda che abbia ottenuto o meno una buona posizione in lista.

L’unica versione che permette un minimo di deterrenza √® la numero 4, che chiaramente aveva subito sollevato levate di scudi. Qualcuno ha detto “ma cos√¨ chi fa il portaborse √® penalizzato pi√Ļ del consigliere, il consigliere a fine mandato pu√≤ candidarsi subito mentre il portaborse deve aspettare un anno, non √® giusto”. Qualcun altro ha detto “Cos√¨ ci priviamo delle preziose esperienze accumulate dal portaborse durante la sua esperienza nello staff, e noi invece dovremmo mandare sempre in giro i migliori!”. Un altro ancora ha detto “metti che io faccio la consulenza in Regione e poi il Comune mi va alle elezioni anticipate prima che sia passato un anno, io poi rimango fregato”. Tra le altre ragioni fornite c’√® “Cos√¨ si limita la libert√† delle persone di candidarsi” e “Ma se mettiamo troppi vincoli poi i nostri attivi ci mollano e vanno a candidarsi nel PD” (se ragionano cos√¨, vadano pure).

Almeno, la terza proposta √® passata, anche se con meno margine delle precedenti; e poi si √® arrivati alla quarta, nonostante alcune persone non proprio favorevoli stessero praticamente andando via, facendo mancare il numero legale. Ho insistito per votare, e il voto √® finito come segue: 4 favorevoli, 3 contrari, 6 astenuti. Non andava bene: dunque, a mo’ di Trattato di Lisbona, non so pi√Ļ con quale scusa si √® rivotato, e stavolta hanno vinto i contrari; e poi tutti sono scappati prima che si potesse discutere la quinta. Per ora, la carriera da portaborse √® salva. Ah, e la mia mozione pi√Ļ generale sul conflitto di interessi? Beh, alla fine non √® stata mai discussa… spero che lo sar√† la prossima volta.

Spero che questo post non sia percepito dai miei compagni di movimento come polemico; ho aspettato un giorno e l’ho scritto e riscritto tre volte per moderare i toni. Io credo per√≤ che “uno vale uno” non sia uno slogan elettorale, cos√¨ come non lo sia l’immagine della scopa per fare pulizia. E allora, quando si parla di soldi e di assunzioni le scelte devono essere totalmente trasparenti, al di sopra di ogni sospetto e di ogni conflitto di interessi. E’ chiaro che regole di incompatibilit√† generale rischiano anche di tagliar fuori persone valide e perfettamente oneste, ma il rischio di non averle √® troppo grande; e se davvero per te √® cos√¨ importante fare l’esperienza di candidato (aspirazione assolutamente legittima per chi si appassiona alla politica, e che io stesso condivido) puoi benissimo evitare di lavorare nell’ente pubblico e fare il tuo lavoro da qualche altra parte.

Ma √® soprattutto la struttura decisionale che mi preoccupa. Come gi√† dissi, sono contrario all’assenza totale di strutture e di regole, ma √® chiaro che strutture e regole sono legittime solo se sono discusse, condivise e accettate dalla base dei nostri elettori. A me piacerebbe che i nostri elettori reclamassero questo ruolo: stanno nascendo molti gruppi con l’obiettivo di diventare attivi, di costituire una lista civica qui o l√†, ma ancora non ne vedo di “elettori semplici” che non si riuniscano per organizzare attivit√† o per esprimere candidature, ma semplicemente per controllare il Movimento e dare direttive a noi che di fatto lo gestiamo. Comunque, insieme a varie persone, stiamo cominciando a lavorare agli strumenti di deliberazione online; anche a queste riunioni, ci siamo detti spesso che dovremo averli il prima possibile e usarli spesso; l’importante √® che ci√≤ non sia soltanto un mantra, ma diventi presto realt√†.

Nel frattempo, io vedo come un dovere quello di raccontare ciò che succede dietro le quinte, e continuerò a farlo finché ne avrò la possibilità.

divider
domenica 11 Aprile 2010, 11:15

Perché muore un meetup

Copio e incollo il racconto di una persona che, sulle ali dell’entusiasmo per il risultato elettorale, ha provato ad andare per la prima volta alla riunione di un “meetup” grillino (non in Piemonte) e ne √® tornata delusa. Mi sembra una buona spiegazione del perch√© molti meetup sono morti o vivacchiano da anni tra le stesse cinque persone, incapaci di costruire non dico un progetto politico, ma anche solo un gruppo funzionante e capace di aggregare la cittadinanza.

Si dice spesso che il problema della politica sono i personalismi, ma forse si dimentica un’altra verit√†: che senza persone capaci anche le migliori cause non vanno da nessuna parte.

Ciao Vittorio,
ieri sera sono andato alla riunione del meetup di ******… c’erano, me compreso, 12 persone. Hanno cominciato a litigare dopo 3 minuti sul primo punto dell’ODG, che era come e con chi istituire i banchetti per la raccolta firme per l’acqua. Alle 10,30, visto che ognuno parlava senza ascoltare quello che dicevano gli altri e sentendomi come un genitore al compleanno dei bambini (tagliato fuori) ho detto che avevo un treno da prendere e me ne sono andato… che delusione!
Spero che dalle altri parti il livello (ed il QI) siano un pò meglio! Nemmeno ai vecchi tempi delle assemblee avevo visto un casino così poco costruttivo e inutile.
Forse sono diventato vecchio ma non credo che questo sia il modo giusto di interpretare la democrazia, anche qui si fa a chi urla pi√Ļ forte, a prescindere che abbia, o meno, qualcosa da dire… Ti abbraccio¬†

divider
sabato 10 Aprile 2010, 12:05

Le ipoteche del Fila

Per parlare nel dettaglio della storia dello Stadio Filadelfia e delle manovre attorno alla sua ricostruzione ci vorrebbe un libro (comunque, in rete potete trovare un buon riassunto).

In breve, per√≤, la situazione si pu√≤ riassumere spiegando che quell’area fa gola a parole ai politici per via del consenso che porterebbe la ricostruzione, ma soprattutto fa gola in sostanza a speculatori di vario genere, tutti pi√Ļ o meno ammanicati politicamente, per il valore edilizio che avrebbero un centro commerciale o una serie di palazzine costruiti su di un’area relativamente centrale come quella. In termini economici, nessuno ha interesse a ricostruire il Fila come dovrebbe essere, cio√® un centro sportivo al servizio del Torino e del quartiere; le altre ipotesi – compreso il “centro sportivo” costituito da un campo di subbuteo circondato da negozi – sono molto pi√Ļ redditizie.

Le manovre sono state tante, e l’ultima scusa per bloccare la ricostruzione era data dalle ipoteche derivanti dal fallimento della Ergom di Cimminelli. Il terreno, infatti, era di Cimminelli, che aveva anche messo dei soldi (3,5 milioni di euro) a garanzia della ricostruzione, insieme ad un altro milione di euro messo dalla Bennet come oneri di urbanizzazione, in cambio della possibilit√† di costruire il supermercato (gi√† fatto e attivo da anni) nella vicina area “ex Chinino”. Gi√† tre anni fa il Comune si era “dimenticato” di riscuotere i 3,5 milioni di euro: ricordiamo infatti che dopo il fallimento il terreno del Fila √® tornato al Comune, ma il patrimonio della Ergom, con annessi e connessi, √® finito, indovinate un po’, alla Fiat. La questione del credito pareva per√≤ risolta, e insomma, il terreno c’√®, i soldi (privati!) ci sono, perch√© non si costruisce?

Era poi venuto fuori – solo dopo indagini e insistenze da parte dei tifosi – che il problema era il seguente: l’area del Filadelfia era stata ipotecata dall’Agenzia delle Entrate, a garanzia di tasse non pagate dalla Ergom in seguito al fallimento. Anche questo per√≤ non doveva essere un problema: i soldi c’erano, bastava che il Comune ne usasse un po’ per riscattare il terreno dall’ipoteca. E per√≤, per anni, questo non √® successo… mentre hanno cominciato a spuntare come i funghi nuove ipotesi di campi di subbuteo circondate da negozi, promosse da questa o quella cordata.

Ieri, invece, √® stata una giornata storica: finalmente il Comune di Torino, sotto la pressione rumorosa dei tifosi, ha accettato di pagare 535.000 euro (non pubblici: presi dai crediti di cui sopra) e annullare l’ipoteca. Come mai?

Beh, certo non stupir√† che la cosa sia avvenuta dieci giorni dopo l’elezione regionale inaspettatamente persa dal centrosinistra – in cui, tra l’altro, il neo consigliere regionale leghista Carossa ha fatto ampie promesse in merito. Se prima la filosofia di Chiamparino era “non ho pi√Ļ bisogno di loro” (cio√© dei voti dei tifosi), come dichiar√≤ durante una travagliata seduta di consiglio comunale in cui si discuteva della faccenda, ora il centrosinistra se la fa sotto all’idea di perdere anche il Comune: e dunque, magicamente, le ipoteche sul Fila si sono sbloccate.

Penso male? Giudicate voi…

divider
venerdì 9 Aprile 2010, 19:38

Tecnofobia

Stamattina, Torino Porta Susa, ora di punta. Mancano pochi minuti alla partenza del regionale per Milano e l’atrio della vecchia stazione √® pieno di gente in coda agli sportelli per fare il biglietto: urla, spintoni, sceneggiate sul tema “fatemi passare, il mio treno sta per partire”.

E l√¨ nell’angolo, tre macchinette automatiche perfettamente funzionanti, una occupata, due completamente vuote. Ho persino potuto fare anche il biglietto del ritorno, visto che non c’era nessuno dietro di me!

Effettivamente la procedura di acquisto Trenitalia √® piuttosto bizantina e tutt’altro che usabile: geniale l’idea per cui puoi impostare un luogo di partenza diverso dalla stazione attuale, ad esempio per fare il biglietto di ritorno, ma l’elenco delle destinazioni pi√Ļ popolari che subito dopo ti offre la macchinetta √® standard e non contiene la destinazione del 90% dei biglietti di questo tipo – ovvero la stazione in cui sei. Comunque, davvero non si spiega come cos√¨ tanta gente preferisca perdere il treno che mettersi a usare la macchinetta (e se lo fa, si guarda bene dal pagare col bancomat, che pure quasi tutti hanno in tasca: insiste nell’infilare venti volte banconote spiegazzate e poi spendere trenta secondi a raccogliere il resto in monetine); a meno che davvero gli italiani siano convinti che la tecnologia √® figlia del diavolo.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike